Covid, aziende del farmaco: «Immunità di gregge dall'estate 2021». Fda: «Vaccino Pfizer è sicuro»

Martedì 8 Dicembre 2020
Covid, aziende del farmaco: «Immunità di gregge dall'estate 2021». Fda: «Vaccino Pfizer è sicuro»

Quando vedremo l'effetto immunità di gregge? «Auspicabilmente, se i governi saranno pronti, cominceremo a vedere l'effetto dell' immunità di gregge già nell'estate del 2021 in alcuni Paesi. E per l'Estate del 2022 potremo sperare di vedere gran parte del mondo raggiungere l'immunità». Lo ha detto Thomas Cueni, direttore della Federazione internazionale delle aziende e associazioni farmaceutiche (IFPMA) in un media briefing organizzato a Ginevra.

 

Con tre vaccini anti-Covid, e «potenzialmente fino a 10 vaccini che nei prossimi mesi saranno approvati dalle autorità regolatorie e prodotti in miliardi di dosi dalle aziende farmaceutiche, c'è la speranza di trovare una soluzione finale alla pandemia». Lo afferma la Federazione internazionale delle aziende e associazioni farmaceutiche (IFPMA), che oggi ha organizzato un media briefing da Ginevra.

 

Terza ondata Covid, ecco perché fa paura: dalle regioni gialle all'influenza, tutti i rischi

La Food and Drug Administration statunitense afferma in un rapporto postato online che la sperimentazione del vaccino Pfizer ha mostrato come il prodotto sia molto «efficace» nel prevenire il Covid-19 e incontri i criteri necessari sul fronte della sicurezza, non sollevando particolari preoccupazioni. La riunione in cui la Fda dovrebbe dare il via libera alla somministrazione del vaccino è attesa in settimana.

Il mese scorso Pfizer e BioNTech avevano annunciato che il loro vaccino ha un' efficacia al 95% dopo due dosi amministrate a distanza di tre settimane. La nuova analisi della Fda mostrerebbe come la protezione parta molto prima. Inoltre il vaccino in fase di sperimentazione avrebbe funzionato molto bene su tutti i volontari, indipendentemente dalle origini, dal peso e dall'età. Nessun problema serio di sicurezza sarebbe stato riscontrato, anche se molti dei partecipanti alla sperimentazione avrebbe sofferto di effetti collaterali come mal di testa e febbre.

 

Nell'Ue «sembra che avremo più vaccini di quanti sono necessari» per proteggere dalla Covid-19 la popolazione europea, quindi «su questa base li offriremo ad altri Paesi». Lo dice in conferenza stampa dopo il Consiglio Affari Generali il ministro per gli Affari Europei della Germania Michael Roth, in collegamento da Berlino.

 

Ultimo aggiornamento: 16:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA