Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Quarantena verso stop ai 7 giorni? La richiesta delle Regioni: per uscire potrebbe bastare un tampone negativo (se asintomatici)

Nulla è ancora deciso, ma il ministero della Salute starebbe valutando la possibilità di introdurre una nuova regola che permetterebbe l'uscita dall'isolamento a 48 ore dalla fine dei sintomi

Venerdì 15 Luglio 2022 di Mario Landi
Quarantena Covid verso stop ai 7 giorni: per uscire potrebbe bastare un tampone negativo (se asintomatici)

Le Regioni spingono per una quarantena più breve. O meglio non fissata ad un minimo di sette giorni con tampone negativo d'uscita, come previsto dall'attuale normativa. Nulla è ancora deciso, ma il ministero della Salute - che al momento smentisce un imminente cambio di regole - starebbe valutando la possibilità di introdurre la nuova regola - proposta dai governatori - che permetterebbe l'uscita dall'isolamento a 48 ore dalla fine dei sintomi, mantenendo però obbligatorio il tampone negativo (ma non con un test fai da te). Oggi c'è stato un incontro tra i tecnici del ministero della Salute proprio per valutare questa modifica che sarebbe nata per liberare dalla quarantena obbligatoria le persone ormai guarite, senza dover attendere la scadenza, permettendo loro di tornare a lavoro. Sull'isolamento dei casi Covid positivi «restano le regole vigenti», precisa il ministero della Salute sottolineando che non c'è «nessun cambiamento in vista in merito all'isolamento. Come sempre si verificherà andamento epidemiologico e ci sarà confronto con Regioni».

Quarantena, la richiesta delle Regioni

«Siamo in una fase in cui si avvicina il passaggio a una fase endemica. L'obiettivo è la convivenza con il virus, non il contagio zero. Convivenza significa anche convivere con tanti contagi, ma l'importante è che non abbiano ricadute sul nostro sistema sanitario». Ha detto a inizio settimana il sottosegretario alla Salute Andrea Costa commentando i recenti dati in rialzo sui positivi. Sulle proposte che arrivano dalle Regioni, come quella sulla quarantena, «le regole le abbiamo sempre condivise con le Regioni, ascoltiamo con attenzione. Sono tra quelli che si pongono il problema che arriveremo a un punto in cui non dovremo più mettere in isolamento i positivi asintomatici. Se di convivenza parliamo, convivenza è anche questo. Altrimenti rischiamo anche involontariamente di tornare a bloccare il Paese di fronte ai contagi che aumentano. Un positivo asintomatico potrà andare a lavorare con la mascherina, dobbiamo porci questa questione».

 

«Dobbiamo cambiare le regole per quanto riguarda l'isolamento degli asintomatici. C'è infatti un aspetto fondamentale che riguarda coloro che lavorano nei servizi pubblici essenziali. Visto che noi abbiamo circa duemila operatori in quarantena da asintomatici, chiediamo che venga fatta una riflessione perché in altri Paesi hanno consentito ai positivi senza sintomi di rientrare in servizio dopo 5 giorni con mascherina FFP2». Lo ha detto nei giorni scorsi l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, a margine della presentazione del Portale nazionale sulla salute mentale, sviluppato da Asl Roma 2 e dalla Fondazione Di Liegro.

«Ridurre la quarantena per asintomatici»

Nei giorni scorsi la richiesta di ridurre la quarantena ha acceso un forte dibattito tra gli esperti. «L'isolamento delle persone asintomatiche o con pochi sintomi non ha efficacia nel frenare la circolazione virale», Così Donato Greco, epidemiologo e consulente dell'Organizzazione mondiale della sanità. Per questo «a mio avviso va ridotta consistentemente la quarantena per asintomatici e paucisintomatici, perché sta portando disastri economici». «Isolare queste persone - ribadisce - non impedisce la circolazione del virus, che non siamo comunque in grado di controllare. Il virus circola, punto. Possiamo solo ridurne, efficacemente, gli effetti gravi, attraverso vaccini e farmaci». Per l'esperto, chi è positivo ma non ha sintomi «dovrebbe, per esempio, poter continuare a lavorare, semplicemente indossando la mascherina Ffp2. Non si dovrebbero bloccare viaggi, lavoro, vacanze. È una misura assolutamente da rivedere, considerando anche tutte le eccezioni: il medico deve valutare la persona che ha davanti e le sue eventuali fragilità».

Omicron 5 è arrivata al picco in Italia

Scende da 1,40 a 1,34 l'indica di contagio Rt e la curva dei casi di Dovid-19 rallenta la sua corsa, al punto che il picco potrebbe essere ormai vicinissimo. «Stiamo entrando nella fase del picco dei contagi, al netto che non sappiamo quanti siano i positivi ai tamponi 'fai da te'». Sottolinea all'Adnkronos Salute Antonello Maruotti, ordinario di Statistica dell'Università Lumsa e co-fondatore dello StatGroup19, gruppo interaccademico di studi statistici sulla pandemia di Covid-19. Sull'incremento dei ricoveri in area medica, registrato oggi anche dal monitoraggio della Cabina di regia Istituto superiore di sanità-ministero della Salute (15,8%), Maruotti avverte che «saliranno ancora almeno per altri 15 giorni», mentre «stiamo vedendo come la crescita dei casi si sta fermando, forse con più lentezza al Sud», precisa. «Un dato che va evidenziato - prosegue il docente - è quello dell'occupazione delle terapie intensive, passata dal 2% al 4%, che conferma la bontà dei vaccini e della campagna vaccinale». Come saranno le prossime settimana di questa estate all'insegna della pandemia? «La situazione migliorerà soprattutto ad agosto, ma quanto velocemente non lo possiamo dire certo ora», risponde Maruotti. 

Ultimo aggiornamento: 17 Luglio, 12:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci