Nuova variante Covid scoperta dagli scienziati in Sudafrica. «Ad oggi la più mutata e trasmissibile»

Lunedì 30 Agosto 2021 di Mario Landi
Nuova variante Covid scoperta dagli scienziati in Sudafrica: «Ad oggi è la più mutata e trasmissibile»

Una nuova variante del Covid, rilevata per la prima volta in Sudafrica «potrebbe essere più contagiosa» di altre mutazioni e avere il potenziale per «eludere i vaccini»: lo hanno scoperto alcuni scienziati. Il ceppo C.1.2, che è collegato alla «maggiore trasmissibilità», è più lontano dalle mutazioni del virus originale visto a Wuhan, hanno scritto gli esperti dell'Istituto nazionale per le malattie trasmissibili del Sudafrica e della piattaforma di ricerca e sequenziamento del KwaZulu-Natal. Il virus è stato identificato per la prima volta da scienziati in Sudafrica a maggio e da allora è stato trovato in Inghilterra, Cina, Repubblica Democratica del Congo, Mauritius, Nuova Zelanda, Portogallo e Svizzera.

Video

Nel loro studio gli scienziati hanno scoperto che il ceppo, che discende dal ceppo C.1 che è stato individuato per la prima volta durante la prima ondata della pandemia, ha un tasso di mutazione di circa «41,8 mutazioni all'anno».

La nuova variante elude gli anticorpi

 

Questo tasso è quasi il doppio dell'attuale tasso di mutazione globale osservato finora in qualsiasi altra variante. Durante il loro studio, i ricercatori hanno riscontrato un aumento mensile del numero di genomi C.1.2 in Sud Africa, passando dallo 0,2% a maggio all'1,6% a giugno e al 2,0% a luglio. Questo breve periodo di consistente incremento è stato individuato anche nelle varianti Alpha, Beta e Gamma.

Variante Delta raddoppia i rischi di malattia grave e di ospedalizzazione, ma doppia dose di vaccino protegge

Gli scienziati hanno anche scoperto 14 mutazioni in quasi il 50% delle varianti che avevano una sequenza C.1.2. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche «per determinare l'impatto funzionale di queste mutazioni», gli scienziati hanno avvertito che l'ultima variante, che è «mutata sostanzialmente» e potrebbe aiutare il virus a «eludere gli anticorpi e le risposte immunitarie».

Nel loro rapporto, pubblicato sulla rivista Nature, gli scienziati hanno affermato: «Descriviamo e caratterizziamo un lignaggio SARS-CoV-2 appena identificato con diverse mutazioni di picco che è probabile siano emerse in una grande area metropolitana in Sud Africa dopo il prima ondata dell'epidemia e poi essersi diffusa in più località all'interno di due province vicine. Mostriamo che questo virus si è rapidamente ampliato ed è diventato dominante in tre province, mentre c'è stata una rapida ripresa delle infezioni», si legge nel documento.

«Mancate cure per altre malattie, aumentate le morti non dovute al virus»: studio dell'Università di Pavia

«Sebbene l'importazione completa delle mutazioni non sia ancora chiara, i dati genomici ed epidemiologici suggeriscono che questa variante ha un vantaggio selettivo, dall'aumento della trasmissibilità, dalla fuga immunitaria o da entrambi. Questi dati - hanno commentato - evidenziano l'urgente necessità di riorientare la risposta della sanità pubblica in Sudafrica sulla riduzione della trasmissione a livelli bassi, non solo per ridurre i ricoveri e i decessi, ma anche per limitare la diffusione di questa linea e l'ulteriore evoluzione del virus». All'inizio di questo mese, un rapporto pubblicato da Public Health England affermava che il ceppo C.1.2 era tra le dieci varianti monitorate dagli scienziati nel Regno Unito.

 

Gli scienziati dell'Università di Tel Aviv che lavorano di continuo agli studi sui vaccini hanno evidenziato che il vaccino anti-Covid è «meno efficace contro la variante sudafricana», rispetto al coronavirus originale e alla variante del Kent, ad esempio.

Ultimo aggiornamento: 15:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA