Coronavirus nelle ali di pollo surgelate, la Cina accusa il Brasile

Giovedì 13 Agosto 2020

Una spedizione di pollo dal Brasile conteneva tracce di coronavirus. Lo riferiscono autorità cinesi. Il Covid-19 è stato scoperto in un lotto di ali di pollo congelate nella città di Shenzhen, nel sud della Cina, secondo quanto riportato oggi dal quotidiano Estado de Sao Paulo. Il pollo proveniva da uno stabilimento della Aurora Alimentos nello stato brasiliano meridionale di Santa Catarina, secondo il numero di registrazione, ma i test antivirus effettuati sulle persone che potrebbero esserne venuti a contatto sono risultati tutti risultati negativi.

Coronavirus Lazio: 36 casi, 22 di rientro dall'estero. D'Amato: «A Ferragosto evitate assembramenti»

Coronavirus, Lopalco: «In Puglia innesco della seconda ondata, contenere la mareggiata»

L'episodio non è isolato: tre campioni di imballaggi di pesce congelato importato sono risultati positivi al Covid-19 a Yantai, città settentrionale della provincia di Shandong, ha spiegato martedì il governo municipale nell'account ufficiale su Weibo, il Twitter in mandarino. Ieri, invece, la tv statale Cctv ha riferito che l'esterno di una confezione di gamberetti congelati in Ecuador è risultato infettato in un ristorante a Wuhu, città nella provincia di Anhui. Il confezionamento dei gamberetti dell' Ecuador è risultato positivo anche a Xìan, sempre secondo la tv di Stato.

Ultimo aggiornamento: 17:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA