Roma, truffe seriali agli anziani: a processo due ambulanti. Più di trenta casi contestati

Lunedì 21 Giugno 2021 di Francesca De Martino
Roma, truffe seriali agli anziani: a processo due ambulanti. Più di trenta casi contestati

Andavano a caccia di anziani: ne avevano presi di mira decine. Li avvicinavano per le strade della Capitale e poi li convincevano di avere migliaia di euro per loro: un assegno da riscuotere per un rimborso assicurativo destinato a un loro parente. Per ricevere la somma era però necessario pagare in contanti la parcella di un fantomatico avvocato. Era un imbroglio: chi cadeva nel tranello consegnava in mano ai truffatori i propri soldi. Il raggiro ha spedito sul banco degli imputati una coppia di cognati campani, Fabio Biancolino e Vincenzo Salzano, di 43 e 53 anni. Sono trenta i casi accertati di truffa, consumata e tentata. I fatti risalgono al 2018. Il 19 giugno a piazzale Clodio, davanti al pm Lina Corbeddu, si è aperto il processo. Negli anni tre vittime ottantenni sono anche decedute. Per i due imputati non si tratterebbe di casi isolati: a loro carico ci sono altri procedimenti per lo stesso reato. Ora si trovano in carcere.

Concorsone Comune Roma, risultati con bocciati record: «Il 98% non supera il quiz». Rischio graduatorie corte


Truffe, convincevano le persone a pagare

Vivevano di inganni, Biancolino e Salzano, la coppia di cognati, originaria di Napoli, con la passione per le truffe. Da quando non lavoravano più come venditori ambulanti avevano fatto squadra e messo in piedi un'attività del tutto artigianale. Approfittare della fragilità degli anziani era la loro specialità per portare a casa un bel guadagno mensile. Avvicinavano gli sfortunati, a bordo della loro auto, girando per le strade di Roma con una busta da lettera in mano. Dentro ci sarebbe dovuto essere un assegno di rimborso assicurativo con cifre importanti a nome del parente della persona che avevano davanti, invece c'era solo un foglio in bianco. Dicevano che era arrivato un rimborso dall'assicurazione per un'incidente stradale fatto da un loro parente. Per far gola alle vittime proponevano cifre che andavano dai settemila ai dodicimila euro. Per averle, le vittime avrebbero dovuto pagare la parcella di un fantomatico avvocato intervenuto nella questione. La somma era da corrispondere in contanti: dai cento ai mille euro, a seconda della persona. C'era chi ci cascava e consegnava subito i soldi. Se gli anziani non avevano dietro le banconote erano i truffatori stessi ad accompagnarli a prelevare in banca.

 

 

Il copione della truffa era sempre lo stesso. A cambiare era solo il modo di ottenere la fiducia degli ottantenni in base alle informazioni personali che riuscivano a recuperare. Alcune volte i due imputati fingevano di parlare al telefono con il presunto figlio dell'anziano, primo destinatario dell'assegno, ma dall'altra parte della cornetta c'era solo un complice. Solo alcune vittime sono riuscite a rendersi conto che quella al cellulare non era la voce del figlio.

 

Pfizer, slittano i vaccini ai 12enni: stop agli appuntamenti a inizio luglio. Oggi via alle prenotazioni dai pediatri


La contestazione

I capi d'imputazione sono trenta: «Salzano alla guida dell'autovettura da lui noleggiata e Biancolino, incaricato di interloquire con la vittima, compivano atti idonei diretti e in modo non equivoco a commettere una truffa ai danni della persona offesa, con artifizi e raggiri», si legge negli atti.

Secondo la difesa di Fabio Biancolino, rappresentata dall'avvocato Giorgio De Caroli, «è un processo con capi d'imputazione costruiti sulle celle telefoniche, molti anziani non hanno riconosciuto nel mio assistito il truffatore che li ha fermati. In alcuni casi il cellulare di Biancolino aveva agganciato la cella del luogo in cui è avvenuta proprio la truffa, ma non ci sono riscontri che lui fosse realmente lì».

© RIPRODUZIONE RISERVATA