De Vito arrestato e scaricato dal M5s: «Espulsione». Di Maio: può difendersi, ma distante da noi

PER APPROFONDIRE: campidoglio, di maio, m5s, marcello de vito
De Vito scaricato dal M5s: «Espulsione». Di Maio: può difendersi, ma distante da noi
Marcello De Vito scaricato dal M5s: espulsione, si difenda lontano da noi. «Può difendersi, ma a km di distanza dal Movimento 5 stelle». Lo ha detto il capo politico Luigi Di Maio rispondendo a domande dei cronisti sull'arresto del presidente dell'assemblea capitolina, dopo averlo espulso dal Movimento. «Per me - ha ribadito Di Maio a margine della consegna dei premi Leonardo - De Vito è fuori dal M5s». «Noi - ha detto ancora - come forza politica non abbiamo mai pensato di cambiare l'anima delle persone ma sicuramente reagiamo in 30 secondi e sbattiamo fuori chi si macchia di questi atti. E questa è la cosa che mi rende orgoglioso di stare nel M5s».

Arrestato De Vito, la sorella consigliere regionale che criticò la Raggi: «È sereno»

De Vito arrrestato, quando diceva: «Lo stadio? Speculazione, un meteorite che si abbatte su Tor di Valle»

 


Espulsione inevitabile. «Non posso che essere d'accordo con Luigi Di Maio. La sua decisione, appena annunciata, di espellere Marcello De Vito non è affatto scontata. O almeno, non è scontata per una forza politica. Ma il Movimento 5 stelle è una cosa diversa e questa ne è la riprova. Non ci sono processi o sentenze che tengano: è una questione di opportunità politica». Così su Facebook il capogruppo del MoVimento 5 Stelle alla Camera, Francesco D'Uva. «Se i tuoi comportamenti rischiano di macchiare l'immagine delle istituzioni di cui fai parte - prosegue - è automatico per noi pretendere un tuo passo indietro. Siamo orgogliosi di quello che siamo. Della nostra coerenza. Per quanto umanamente possa fare male, il MoVimento 5 Stelle non fa sconti a nessuno. Perché la priorità è la cosa pubblica. Che vogliamo e dobbiamo salvaguardare, ancora di più adesso che siamo al governo. Ecco perché abbiamo approvato la legge Spazzacorrotti. Per essere ancora più inflessibili. Da rappresentanti dei cittadini nelle istituzioni abbiamo la responsabilità di dare il buon esempio. Questo ci fa essere diversi dagli altri, questa è la nostra anima, questi sono i nostri anticorpi. Grazie Luigi».

«Da attivista e portavoce ritengo che il MoVimento 5 Stelle ha i suoi valori prioritari nell'onestà e legalità e, a tutela di questi ultimi, le sue regole che vanno rispettate nell'interesse del Movimento stesso, chi ha sbagliato è giusto che paghi». Così in un post su Facebook Francesca De Vito, consigliera M5s alla Regione Lazio sull'arresto di suo fratello Marcello. «Da sorella attendo l'esito della magistratura che spero - prosegue - avvenga nel più breve tempo possibile».

«Il MoVimento 5 Stelle ha una parola sola e vale sempre. Ringrazio Luigi Di Maio per la fermezza con cui si è espresso stamani circa l'arresto di Marcello De Vito. Luigi ha tutelato ancora una volta il M5S e lo ha fatto con parole chiare, inequivocabili». Lo scrive su Facebook il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta. «Sarà la magistratura, che ringrazio - aggiunge - a fare il suo corso, ma proprio questo è ciò che ci ha sempre distinto dagli altri. Come M5S non abbiamo mai avuto la presunzione di cambiare l'anima delle persone, ma la fermezza di intervenire subito, quella si. Da Ministro e cittadina italiana - conclude Trenta - sarò sempre dalla parte della legalità e della gente onesta che ogni giorno si impegna a rendere il nostro Paese migliore di quello che abbiamo ereditato».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 20 Marzo 2019, 12:52






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
De Vito arrestato e scaricato dal M5s: «Espulsione». Di Maio: può difendersi, ma distante da noi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti