Briatore a Non è L'Arena: «In Costa Smeralda tutti invidiosi di noi. Prostatite? Non la auguro a De Luca»

Domenica 27 Settembre 2020
Briatore a Non è L'Arena: «In Costa Smeralda tutti invidiosi di noi. Prostatite? Non la auguro a De Luca»

Flavio Briatore è stato ospite, in collegamento, a Non è L'Arena di Massimo Giletti. L'imprenditore comincia parlando del suo stato di salute: «Se dici che stai bene sembra che ci sia qualcosa che non funziona. Io sto benissimo. Il mio caso è stato live, non sono stato male mai un giorno. La cosa difficile è stata la quarantena a casa della Santanché. Ho vissuto gli ultimi giorni di isolamento nel dramma del secondo tampone, perché se fosse stato positivo sarei dovuto restare a casa altri sette giorni».

 

Pubblicato da Il Messaggero.it su Domenica 27 settembre 2020

LEGGI ANCHE Briatore dimentica il Covid con Naomi Campbell: «Ieri è venuta a trovarmi a Monaco»
 


Giletti poi incalza Briatore sulle polemiche che hanno accompagnato la notizia della sua positività al Covid: «Prostatite? Io non la auguro a nessuno, è tremenda. L'anno scorso ho avuto un'infezione, sono stato malissimo. Quest'anno tornato dalla Sardegna ho fatto un sierologico ed era negativo. Mi sono sentito male il giorno dopo e pensavo fosse il problema dell'anno scorso. Una volta arrivato a Milano ho fatto il tampone ed era positivo. La prostatite non la auguro a nessuno, nemmeno al governatore della Campania (Vincenzo De Luca ndr). Certe persone frustrate quando attaccano i vincenti, quelli che hanno fatto qualcosa nella vita, si garantiscono un po' di benessere. Se auguri brutte cose ad altre persone è perché sei una me**a».

Barbara D'Urso difende Elisabetta Gregoraci e Pierpaolo Petrelli: «Lei non insegue i soldi»
Flavio Briatore ora elogia l'Italia e la politica anti Covid: ma sui social scoppIa la polemica

Infine, Briatore se la prende con coloro che hanno attaccato la Sardegna, accusandoli di essere «invidiosi» di chi si può permettere di andare in Costa Smeralda: «C'è stato un attacco bestiale sulla Sardegna e sulla sua discoteca più famosa, il Billionaire di Briatore. Sono state dette fake news. Ci sono stati contagi come in altre discoteche, i giovani si comportano in modo uguale ovunque. Discoteche di destra e di sinistra? Della Costiera Romagnola non ha parlato nessuno. Forse perché sanno che in Costa Smeralda non ci possono andare tutti. Loro sono i radical chic e noi siamo i cafoni perché andiamo in Sardegna. La partita di calcetto? Attacco vergognoso, scarica di invidia e gelosia. La gente che va in Costa Smeralda sta sulle palle a tutti. Se fossimo andati a Capalbio, dove c'è la sabbia nera, nessuno avrebbe detto niente».

Covid, Briatore: «Italiani più disciplinati degli inglesi che oggi sono in piena bufera»
Flavio Briatore, la provocazione a tema Covid su Instagram: «Natale a Febbraio»

Ultimo aggiornamento: 28 Settembre, 12:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA