L'EVENTO
UDINE Un successo che si rinnova da 21 anni e che quest'anno è

Giovedì 21 Novembre 2019
L'EVENTO
UDINE Un successo che si rinnova da 21 anni e che quest'anno è diventato addirittura straordinario, con 660 squadre iscritte e 15.850 partecipanti, contando i 24 concorrenti per squadra. Di questi, 1.800 studenti. Si connota così la Staffetta Telethon a Udine, che da sabato 30 novembre a domenica 1° dicembre coinvolgerà non solo l'intera città, ma tutta la regione, dato il gran numero dei concorrenti e la discesa in campo anche delle istituzioni. Tutti accomunati da un obiettivo: attraverso la propria partecipazione raccogliere fondi per sostenere la ricerca per combattere le malattie rare. La Staffetta di Udine è tra le più solidali in Italia. L'anno scorso si sono superati i 250mila euro di raccolta e quest'anno si andrà sicuramente oltre.
PRESENTAZIONE
La coralità dell'evento si è vista ieri alla presentazione ufficiale dell'edizione, con la sala Aiace del Comune di Udine al completo. Sul palco, insieme al presidente del Comitato promotore Marco De Eccher e al componente dello stesso Guido De Michielis, c'erano il presidente del Consiglio regionale Pier Mauro Zanin, l'assessore regionale alle Attività produttive Sergio Bini, l'assessore comunale ai Grandi eventi Maurizio Franz e il direttore di Bnl, main sponsor della manifestazione. «L'unione di sport, benessere fisico e volontariato, con la possibilità di fare del bene, è una formula che funziona», ha dedotto l'entusiasta presidente De Eccher, guardando i numeri del 2019. «Pensavamo di aver raggiunto un limite fisiologico l'anno scorso con 550 squadre e, invece, quest'anno abbiamo dovuto chiudere inevitabilmente le iscrizioni a 660 squadre» per poter gestire al meglio la manifestazione. E ciò, nonostante il percorso, curato da Stefano Scaini, sia stato debitamente allungato, arrivando a 1.850 metri. Si partirà sabato 30 novembre alle ore 15 da piazza I maggio, che sarà il cuore pulsante dell'evento, per proseguire lungo via Manin, piazza Libertà, via Cavour, via Canciani, piazza San Giacomo (una delle novità 2019), via Sarpi, piazzetta Marconi, Riva Bartolini, vicolo Portanuova e poi percorrere esternamente tutta l'ellisse di Giardin Grande, con una piccola circumnavigazione della collinetta di fronte al conservatorio Tomadini. «È un evento catalizzatore di positività», ha affermato il presidente del Consiglio Zanin, che partecipa alla staffetta dal 2009.
LA REGIONE
«C'è una comunità che interviene massicciamente per favorire la ricerca, una presenza significativa del volontariato, una partecipazione importante delle scuole», ha elencato Zanin, mettendo in riga «la densità di valori» racchiusi nella Staffetta. «La Regione c'è», ha assicura l'assessore alle Attività produttive e al Turismo Bini, rimarcando «la generosità di cui è intrisa questa manifestazione, che unisce la città. Telethon è la dimostrazione ha aggiunto di cosa possano fare insieme sport, solidarietà e relazioni positive». Un ringraziamento a tutti coloro che sono in campo l'ha fatto l'assessore comunale Franz, evidenziando che la Staffetta rappresenta una «straordinaria opportunità» per porre la città al centro dell'attenzione nazionale e internazionale. Per la prima volta correrà anche la squadra del Comune di Udine, essendosi messi a disposizione tutti i consiglieri comunali. A dare il via ufficialmente alla corsa ci saranno la voce inconfondibile del famoso telecronista Bruno Pizzul e le note della Fanfara della Brigata Julia. Durante la prima ora correranno i testimonial vip, tra questi il giornalista di Radio 24 Giuseppe Cruciani. Pronti a dare il proprio contributo anche numerosi atleti. Dal Terminal studenti di Udine ci sarà un servizio navetta della Saf per consentire di raggiungere agevolmente piazza I Maggio.
Antonella Lanfrit
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA