IL FOCUS
ROMA Oltre un milione di Green pass rilasciati in un giorno, ma quasi

Mercoledì 20 Ottobre 2021

IL FOCUS
ROMA Oltre un milione di Green pass rilasciati in un giorno, ma quasi il 90% sono stati ottenuti con i test antigenici, solo 130.000 sono stati scaricati da nuovi vaccinati. Il ricorso massiccio ai nuovi tamponi sta inevitabilmente causando un incremento dei casi positivi rilevati che per fortuna, però, non comporta un incremento dei ricoverati. Così, ieri, per il quarto giorno consecutivo in Italia sono stati conteggiati più infetti della settimana precedente, però il tasso di positività (la percentuale dei test che trovano nuovi contagi) è molto bassa, allo 0,4%. Ieri sono aumentati i decessi - 70 - ma si tratta di un dato che va soppesato con attenzione, frutto probabilmente del ritardo delle notifiche, visto che il giorno precedente erano stati tra i 14 e i 40 ogni ventiquattr'ore. Sul fronte dei ricoveri prosegue comunque la flessione dei posti letto occupati da pazienti Covid.
TAMPONI
L'applicazione dell'obbligo del certificato verde nei posti di lavoro, operativo dal 15 ottobre, sta cambiando anche il monitoraggio dell'andamento dell'epidemia. Un dato per tutti: i tamponi. Solo ieri sono stati 662mila, oltre il doppio del martedì della settimana precedente quando erano stati appena 315mila. Chi non è vaccinato se vuole andare a lavorare ogni 48 ore deve presentare l'esito negativo di un test che consente di ottenere il Green pass. Al Ministero della Salute si aspettavano che questo avrebbe comportato una crescita perfino più marcata dei nuovi casi positivi, invece negli ultimi 4 giorni si sta osservando sì un incremento, ma sempre assestato attorno al 7-8%. Ma il Green pass sta convincendo i recaltricianti a vaccinarsi? Un effetto c'è, ma non è travolgente. Le prime dosi, nei giorni precedenti all'introduzione dell'obbligo, sono stati in media 60-70mila al giorno, ora c'è stata una lieve frenata, ma comunque con questo ritmo è possibile che lo zoccolo duro dei no-vax ad oltranza venga gradualmente eroso. Un altro dato interessante, e in parte anche sorprendente, è l'adesione alla campagna della terza dose, per ora riservata solo a fragili, immunocopromessi, ospiti delle Rsa, operatori sanitari e over 60. Si sta mantenendo una media di 30-40 mila iniezioni al giorno.
Mauro Evangelisti
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA