Al Verona lo spareggio delle outsider che sognano l'Europa: 3-2 al Parma

Mercoledì 1 Luglio 2020 di Matteo Sorio
Al Verona lo spareggio delle outsider che sognano l'Europa: 3-2 al Parma
Si apre un pertugio europeo e ci s’infila l’Hellas. Il tre a due del Bentegodi è un messaggio al Milan, che pareggia a Ferrara e vede il Verona nello specchietto retrovisore, lì a -1. Se lo meritano, quelli di Juric (squalificato, in panchina il vice Paro) il successo sul Parma. È una partita, quella del Bentegodi, in cui per agonismo ci si equivale. Però se gli emiliani vanno soprattutto di fiammate, armandosi come sempre di difesa e contropiede, i padroni di casa menano di più le danze, sono maggiormente costanti, trasmettono una sensazione netta di solidità. Tanto turnover, di qua e di là. Non a caso, forse, il Verona la spunta tramite i cambi: dentro Zaccagni che segna il 2-1 («Può ambire alla Nazionale», così Juric alla vigilia sul 25enne romagnolo, 2 gol e 7 assist stagionali) e dentro Pessina che castiga definitivamente una retroguardia avversaria troppo scoperta.

Mossa di D’Aversa, dall’inizio, un uomo quasi sempre addosso ad Amrabat. Funziona solo in parte, perché il Verona è pieno di alternative (vedi Veloso e, a livello generale, la ripresa ben giocata anche senza punte di ruolo) e soprattutto fa quasi sempre male quando trova le fasce per metterla in mezzo cambiando il fronte. Okay, nel Parma, il futuro bianconero Kulusevski (settimo graffio in campionato, più sette assist), male invece la panchina perché Gervinho e Kurtic non mettono le unghie sul match. Nella corsa di provincia all’Europa, l’Hellas mette la freccia. E dopo essere parso stanco col Sassuolo, dimostra di avere ancora energie e una rosa che può dare garanzie. Al prossimo giro, Zaccagni e soci fanno visita al Brescia: il Parma, invece, ospita la Fiorentina.

LEGGI LA CRONACA

Guarda la classifica
Ultimo aggiornamento: 2 Luglio, 15:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA