Mercoledì 27 Marzo 2019, 21:46

Pestaggio baby gang a "Le Barche": «Così hanno massacrato mio figlio»

L'esterno del centro Barche dove è avvenuto il tentato furto che ha scatenato la

di Davide Tamiello

MESTRE - «Quando l’ho visto in ospedale, in area rossa, con il viso tumefatto da tutti quei pugni, ho ceduto. “La prossima volta lascia stare, girati dall’altra parte”, gli ho detto. Lui mi ha guardata e mi ha risposto: «No mamma, non è quello che mi hai insegnato”. Sono a pezzi, ma sono anche tanto orgogliosa di lui». A parlare è C., madre del ventenne picchiato a sangue da una baby gang martedì pomeriggio all’interno del centro commerciale “Le Barche”. Un’aggressione del branco per vendicare un sgarro imperdonabile: l’aver sventato, due ore prima, il furto di un monopattino elettrico e aver fatto arrestare dalla polizia locale i due responsabili. Il ragazzo e il fratello minore, di 18 anni, erano a Mestre per un pomeriggio di svago. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pestaggio baby gang a "Le Barche": «Così hanno massacrato mio figlio»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-04-09 12:01:32
se sono minorenni devono essere responsabili i genitori e pagare per i danni che fanno
2019-03-28 18:10:50
La Legge sulla legittima difesa " non obbliga nessuno ad armarsi ", chi non vuole opporsi al rapinatore lo faccia tranquillamente, stia fermo, non opponga resistenza; lasciate però, che chi invece vuole tentare di difendere se stesso, la sua famiglia, le sue cose, possa farlo e che, se per disgrazia il rapinatore viene ferito o se, nella colluttazione sbatte la testa e muore, la vittima della tentata rapina non debba incorrere in anni di processi (un calvario) e che non debba anche risarcire i familiari ( una cosa assurda, che non sta né in cielo né in terra ).
2019-03-28 14:19:57
Baby gang...linguaggio da fumetto tipo Diabolik.
2019-03-28 13:46:27
Il ragazzino che ha sventato il furto dovrebbe anche lui essere aiutato dallo Stato e accolto da Salvini per il senso civile dimostrato. Gentilmente: fate da passaparola, anche voi del Gazzettino, dato che se facciamo passare il messaggio che chi denuncia viene protetto e premiato, le babygang spariscono, come pure lo spaccio e tutti i mali delle nostre città.
2019-03-28 15:48:34
infatti se era marocchino o senegalese gli davano la medaglia. ma visto che è italiano per lo Stato doveva essere punito