Con nuovo ad, Johann Strunz,
la Pilosio guarda avanti e cresce

Giovedì 21 Aprile 2016 di Paola Treppo
Johann Strunz

UDINE – La fiera Bauma, la manifestazione più importante al mondo per il settore delle costruzioni che si è svolta a Monaco di Baviera dall’11 al 17 aprile, è stata l’occasione per presentare ufficialmente il nuovo amministratore delegato di Pilosio, Johann Strunz. In carica da aprile 2016, gli azionisti gli hanno affidato il compito di condurre l’azienda verso ulteriori sviluppi commerciali e crescite di fatturato. Il manager austriaco ha ricoperto importanti incarichi dirigenziali in altre società del settore ed ha acquisito una notevole esperienza nel mercato delle costruzioni. «Questa azienda è perfetta per coprire nicchie di mercato nei paesi overseas (mondo esclusa l’Europa). La sua grande forza è quella di essere molto flessibile e di avere l’elevata capacità tecnica e produttiva di fornire soluzioni commisurate alle esigente del cliente», ha detto Strunz.
 
Nell’ultimo quinquennio, Pilosio, azienda friulana produttrice di casseforme e ponteggi, ha messo in atto una forte strategia di internazionalizzazione creando delle branch in diverse aree del mondo in forte espansione quali Canada (Calgari e Toronto), Sud Africa (Durban). Altre opportunità di collaborazione si sono via via concretizzate con altrettanti partner in Arabia Saudita, America Latina, Australia, Algeria, Qatar. Parallelamente, una commessa milionaria nel cantiere più grande oggi attivo del mondo, ovvero l’espansione della Moschea della Medina in Arabia Saudita e una certa ripresa del mercato italiano anche nell’ambito oil&gas, hanno consentito a Pilosio di raggiungere il fatturato di 43 milioni di euro nel 2015. Un ulteriore sviluppo della strategia di internazionalizzazione è l’obiettivo anche per i prossimi anni
 
A supporto delle branch e dei partner in tutto il mondo, l’azienda friulana si è strutturata con un servizio tecnico capillare e altamente specializzato dalle gare di appalto fino all’assistenza in cantiere. Questo servizio di assistenza qualificata sia nel pre che nel post-vendita e che fa capo all’ufficio tecnico della sede che conta diverse decine di progettisti, garantisce l’adeguato supporto in loco per ogni tipo di cantiere, dal restauro all’impianto petrolchimico, dall’edilizia ai ponti e viadotti fino al settore navale. Le branch ed i vari partner, sono organizzati con magazzini per offrire un servizio logistico adeguato e offrendo i prodotti sia in vendita che a noleggio. Lo scorso anno, a gennaio 2015, si era concluso il passaggio di proprietà che ha visto il controllo delle quote dell’azienda da parte del fondo Columna Capital, investitore di private equity con sedi a Londra e Lugano (Svizzera). L’operazione è avvenuta attraverso l’acquisizione delle azioni di Pilosio da parte della Jp Morgan, società finanziaria leader nel mondo, entrata nel pacchetto grazie alla Polo Holding guidata da Columna Capital. 

Ultimo aggiornamento: 23:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA