Solari: fatturato di 42,7 milioni euro, i display nella metro newyorkese

PER APPROFONDIRE: aziende, metropolitana, new york, solari, udine
L'aeroporto di Venezia

di Paola Treppo

UDINE - Approvato il bilancio 2016 di Solari Udine con un volume d’affari di 42,7 milioni di euro e una crescita netta e costante nell’ultimo triennio: rispetto alla chiusura del 2013 che registrava 29,8 milioni, infatti, il fatturato Solari ha registrato 31,5 milioni di euro nel 2014, 39,6 milioni nel 2015 e gli oltre 42 milioni dell’esercizio 2016 per una crescita totale del +43%.

In tutto il mondo, negli aeroporti, nelle stazioni, nelle metropolitane, Solari accompagna chi viaggia con i propri tabelloni orari, diventati icona del viaggio grazie al suono unico e inconfondibile del loro aggiornarsi; 270 milioni di viaggiatori all’anno negli aeroporti, 713 milioni all’anno nelle stazioni ferroviarie. 

«Si tratta del miglior bilancio da quando sono in azienda e anche dal 1964, anno in cui Solari fu venduta alla Pirelli - dice il presidente, Massimo Paniccia -. Merito di una vocazione aziendale sempre proiettata all’innovazione e allo sviluppo internazionale: siamo azienda di riferimento nel mondo per l’informazione al pubblico nel settore dei trasporti e della mobilità delle persone».

«Siamo anche l’azienda capace di condividere il proprio patrimonio rimettendo in produzione gli orologi che hanno segnato la storia del design e del saper fare italiano, portandoli nelle case di tutto il mondo con il progetto Solari Lineadesign. La nostra crescita è merito anche delle solide relazioni radicate nel mercato italiano: penso ai nostri clienti storici quali Ferrovie, Ansaldo e Poste Italiane per cui Solari ha sviluppato e installato l'innovativo sistema di gestione delle attese per quasi 4000 uffici postali sul territorio».

Anche la controllata americana Solari Corp, nata per sviluppare il business nel mercato Usa, ha chiuso il 2016 con un fatturato di 7,5 milioni di dollari e un utile netto 0,6 milioni. Solari Corp. ha recentemente chiuso un importante contratto con Nycta, la New York City Transit Authority: è infatti l’unica azienda qualificata per la fornitura dei display all’interno della metropolitana newyorkese. Display che sono utilizzati anche per la nuova linea della città di New York, la celebre 2nd Avenue Subway che dopo 100 anni d’attesa collegherà meglio i transiti con l'East Side di Manhattan e alleggerirà il traffico della Lexington Avenue line.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 14 Maggio 2017, 09:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Solari: fatturato di 42,7 milioni euro, i display nella metro newyorkese
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-05-15 10:57:07
A Pesariis la casa madre...partita con gli orologi da torre o campanile. Forse , dato il bisogno di restauri, sarebbe anche il caso di ri-formare restauratori. Un campanile del Trentino ha salvato il suo mega orologio da facciata di chiesa, grazie ai disegni del progetto originale scovati in una soffitta e ad una ditta artigianale...in grado di riprodurre materiali e meccanismi...pur con macchinari moderni.