Iras. Casa di riposo dell'orrore, il giudice: 4 dei 9 indagati possono tornare a lavorare

PER APPROFONDIRE: dipendenti, iras, maltrattamenti, rovigo
Iras. Casa di riposo dell'orrore, il giudice: 4 dei 9 indagati possono tornare a lavorare
ROVIGO - Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Rovigo, Pietro Mondaini, ha revocato la misura del divieto di svolgere attività professionali di dipendenti in strutture sanitarie a quattro dei nove indagati nell'ambito dell'inchiesta per maltrattamenti nei confronti degli anziani ospiti della struttura assistenziale Iras di Rovigo.

Le misure erano state eseguite il 14 agosto scorso dagli agenti della squadra mobile della polizia di Stato che ha condotto le indagini coordinate dalla procura durante le quali erano state riscontrate violenze fisiche, percosse, offese, minacce, atti denigratori e lesivi della dignità umana nei confronti di soggetti non auto sufficienti ospiti della casa di riposo.

Sei indagati su nove avevano chiesto la revoca della misura e quattro di loro ora sono autorizzati a tornare al lavoro perché il Gip ha ritenuto non vi fosse l'elemento della ripetitività delle azioni né quello del concorso con gli atti più gravi. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 23 Agosto 2019, 13:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Iras. Casa di riposo dell'orrore, il giudice: 4 dei 9 indagati possono tornare a lavorare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-08-26 08:14:58
Andranno in pensione anche i togati prima o poi, auguro un'accogliente struttura come quella descritta e personale che sicuramente "detto da loro" non ripeterà quanto gli viene contestato.
2019-08-24 15:17:59
Legegte fra le righe: non sussiste il pericolo di ripetitività (non ha detto che sono innocenti ma che non dovrebbero, a occhio e croce) ripetere. E ai ripete solo un gesto già compiuto. O sbaglio? Inoltre non sono coinvolti nei fatti più gravi. Lecito dedurre che in altri fatti evidentemente sì. Una domanda: ma secondo l'ordinanza non dovrebbero ripetere perchè? Forse non ci sono più anziani? Improbabile. O forse li hanno assegnati ad altre mansioni? Tipo rispondere al telefono?
2019-08-24 17:28:51
Quindi, cara Foxy, secondo questo giudice, se io dovessi uccidere mia moglie o mia suocera (meglio ;-)), dovrei essere rilasciato perché il delitto non è ripetibile....ho una moglie soltanto, quindi anche volendo, finché non mi risposo, non posso ripetere il delitto... Ma varda che storie.... E sai una cosa? Mi pare proprio di ricordare che una motivazione del genere sia già stata applicata proprio in un caso di omicidio del coniuge.... Non può andare avanti così ancora per molto...
2019-08-25 18:35:15
Confermo. E' stata applicata in un caso di uxoricidio.
2019-08-24 09:06:10
E' bene che lo sappiano parenti di assistiti non autosufficenti per visite a sorpresa. Regalare agli auto sufficienti una telecamerina ed un taser. Ci sono anche assistenti pagati dalla famiglia da accreditare, contantodicontratto registrato.Parecchi di questi abituati al nero , esperienza nostra dopo visite a sorpresa si presentavano in ritardo e se ne andavano prima.. Altri badanti sembravano assonanti e poco attivi nellefaccende diurne: infatti di nascosto facevano assitenza notturna in ospedale dopo aver sedato gli assititi principali.