Viabilità dell'ospedale. Ci saranno più parcheggi per le soste di pochi minuti

Domenica 21 Novembre 2021 di Lara Zani
Viabilità dell'ospedale. Ci saranno più parcheggi per le soste di pochi minuti
2

PORDENONE - La nuova viabilità della zona dell'ospedale recupera qualche stallo kiss & ride e subisce alcuni ritocchi in seguito all'accoglimento di parte delle osservazioni presentate alla relativa variante urbanistica 12, «ma la filosofia spiega l'assessore Cristina Amirante resta invariata», e in particolare rimane immutata la soluzione del divieto di svolta a sinistra, che interessa in particolare il traffico che, provenendo dal centro, risale via Montereale.


I DETTAGLI

La variante, che passerà domani all'esame del Consiglio, è quella conseguente all'approvazione del progetto di fattibilità tecnico-economica per gli interventi di riqualificazione della viabilità circostante il Santa Maria degli Angeli, che prevede una serie di espropri per l'acquisizione di alcune aree necessarie all'esecuzione dei lavori. Cinque le osservazioni pervenute in seguito all'avvio del procedimento di apposizione del vincolo preordinato all'esproprio e due nel periodo di deposito della variante, che sono state parzialmente accolte per essere recepite nelle successive fasi progettuali dell'opera. «L'obiettivo continua l'assessore è quello di evitare che ci sia un utilizzo degli stalli sul lato degli edifici privati e dei negozi come accade attualmente, con molti di coloro che si recano in ospedale che hanno l'abitudine di parcheggiare su quel lato. Per questo abbiamo chiesto ad Asfo la disponibilità di alcuni parcheggi e Asfo (che proprio una settimana fa ha fra l'altro varato il nuovo regolamento della circolazione stradale e dei parcheggi del presidio ospedaliero e della Cittadella della salute, ndr) ha accolto la nostra richiesta con una lettera formale». Si tratterà di parcheggi cosiddetti kiss & ride, locuzione americana che sta a indicare gli stalli destinati alla sosta breve delle auto che, per esempio, accompagnano una persona e hanno la necessità di fermarsi per poco tempo per farla scendere. «Un esempio spiega Amirante sono i parcheggi consentiti per un massimo di cinque minuti all'aeroporto di Venezia. Asfo ha concesso di realizzarli in uno spazio nel quale era prevista un'aiuola nella quale in realtà non sarebbe stato possibile piantumare. Del resto, sarà comunque garantita un'area verde da 850 metri quadrati fra la statale Pontebbana e via Ungaresca».


L'ITER

Ancora da definire tempi e disciplina dei parcheggi a rotazione, che saranno accessibili sia alle auto che arrivano dal centro e si dirigono verso nord che per quelle che percorrono il tragitto inverso. E sarà, questa, l'unica eccezione al divieto generalizzato di svolta a sinistra, pensato per evitare il rischio di incidenti. Confermati anche gli spazi pedonali e ciclabili tutti concentrati sul lato dell'ospedale, mentre sul lato opposto sono presenti solamente alcuni tratti che non consentirebbero la continuità necessaria a garantire tracciati sicuri, ma che possono essere utilizzati dai residenti quel tanto che basta per raggiungere il più vicino attraversamento pedonale utile. Gli altri elementi fondamentali del progetto per la nuova viabilità sono la nuova rotatoria in via Ungaresca e vial Rotto, il collegamento fra la Pontebbana e vial Rotto, l'area verde già citata, le nuove fermate dei bus e le pensiline che porteranno via alcuni parcheggi (recuperati, appunto, grazie all'accordo con l'Asfo) e il divieto di svolta a sinistra, che riguarda in particolare le numerose strade laterali che da via Montereale conducono nel quartiere dell'Immacolata. Per quanto riguarda la sostenibilità ambientale, la variante è stata esclusa dalla Vas, la procedura di Valutazione ambientale strategica, in seguito al parere conforme dell'Asfo, della Direzione regionale competente e dell'Arpa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA