Il maltempo flagella il Friuli: ​alberi caduti, black-out e frane

PER APPROFONDIRE: friuli, maltempo, veneto
Il maltempo flagella il Friuli: ​alberi caduti, black-out e frane
Centinaia di alberi caduti, black-out e frane sono stati registrati tra il tardo pomeriggio di ieri e la nottata in Friuli dove si è abbattuta un'ondata di maltempo con forti raffiche di vento sulla costa e in quota e abbondanti piogge. Il maltempo sta dando ora una tregua ma dalla serata di oggi e nel pomeriggio di domani è atteso il nuovo passaggio di due veloci fronti che provocheranno altre piogge, anche temporalesche, talvolta abbondanti e intense e accompagnate da forte vento.

Nelle ultime 24 ore sulla fascia Prealpina si sono registrate intense precipitazioni con punte massime di oltre 160 millimetri di pioggia sulle Prealpi Giulie (171 a Musi, 161 mm a Resiutta); 140 mm a Tolmezzo e 128 mm a Sella Chianzutan sulle Prealpi carniche. I primi disagi, con segnalazioni di alberi caduti nei comuni delle province di Udine e Pordenone e blackout, sono cominciati dal pomeriggio. Le squadre comunali sono intervenute per alberi caduti a Taipana (sulla ex viabilità provinciale), Frisanco, Forgaria, Sutrio e Sequals. I blackout hanno interessato numerose località come Bicinicco, Ontagnano, Sclaunicco, Martignacco, Maniago, Vito d'Asio, Colloredo e Codroipo.

Nelle ultime ore sono arrivate più di cento chiamate al Nue 112. Segnalati anche l'allagamento di un sottopasso a Venzone, una caduta massi a Nimis e un cedimento localizzato della sede stradale a Fiume Veneto. La Protezione civile regionale ha attivato ieri anche il servizio di piena del fiume Tagliamento, mentre i restanti corsi d'acqua principali (Isonzo, Livenza) sono rimasti sotto il livello di guardia. FVG Strade ha disposto invece la chiusura della strada regionale PN 1 della Val d'Arzino al km 67 in Comune di Vito d'Asio. Chiusi prudenzialmente i guadi di Murlis (SR PN 51) e di Rauscedo (SR PN 67) per l'inizio delle operazioni di apertura diga di Ravedis.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 4 Novembre 2019, 11:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il maltempo flagella il Friuli: ​alberi caduti, black-out e frane
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-11-04 20:12:41
... la natura ci minaccia.. macchè, grida per l'ennesima volta all'uomo moderno: ignorante
2019-11-04 17:05:21
Le frane sono un evento naturale da sempre! Negli anni passati sono state fatte le "briglie" sui torrenti di montagna per frenare l'impeto delle acque; se non ci fossero, le frane sarebbero innumerevoli! O si accettano gli eventi naturali o si accetti di gestirli!