Tumore raro al palato, bimbo di 5 anni salvato dall'ospedale di Padova

PER APPROFONDIRE: ospedale, padova, tumore
Tumore raro al palato, bimbo di 5 anni salvato dall'ospedale di Padova
PADOVA - Era in vacanza, come tutti gli altri bambini, quando i genitori hanno notato delle strane lesioni sul palato. Angelo (il nome è di fantasia), soli 5 anni, viene riportato a casa, a Modena, per accertamenti. Gli esami confermano il sospetto: un sarcoma del palato estremamente aggressivo.
Un tumore raro (1% dei tumori pediatrici), dalla prognosi infausta (40% sopravvivenza). Ma Angelo oggi sta bene, gioca e sorride come tutti i bambini della sua età. A salvarlo la decisione adottata dal Policlinico di Modena, l'Aou di Padova e l'Ircss Istituto oncologico veneto di ricorrere alla brachiterapia. Un particolare trattamento radioterapico, applicato fino ad oggi - si spiega - su 5 bambini.
 «Nonostante i numerosi trattamenti - spiega Monica Cellini, referente dell'oncoematologia pediatrica del Policlinico - il tumore progrediva nella crescita. Quindi abbiamo condiviso la strategia con l'oncoematologia pediatrica dell'ospedale di Padova, centro di riferimento nazionale per queste patologie, e deciso di tentare con l'intervento chirurgico seguito da un particolare trattamento radioterapico, la brachiterapia, in cui una sorgente di radiazioni è collocata all'interno dell'organismo, vicino all'area da irradiare». Metodica svolta dalla radioterapia dell'Ircss Istituto oncologico veneto di Padova, diretta da Luigi Corti. Così Angelo viene operato.  Oggi Angelo, a un anno dall'intervento chirurgico, sta bene e prosegue i controlli che confermano la remissione del tumore». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 29 Dicembre 2016, 12:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tumore raro al palato, bimbo di 5 anni salvato dall'ospedale di Padova
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2016-12-29 14:17:11
Quando fanno i disastri in prima pagina sui quotidiani; ma bisogna anche elogiarli quando salvano le vite, specie quella di un bambino. Un encomio ai dottori e un augurio di una buona vita al bambino