Il caseificio Morandi di Anguillara vince l'oro e l'argento con i suoi caprino e pecorino

Martedì 9 Novembre 2021 di Nicola Benvenuti
Il caseificio Morandi di Anguillara vince l'oro e l'argento con i suoi caprino e pecorino
1

ANGUILLARA (PADOVA) - Da Borgoforte i formaggi mondiali del Caseificio Morandi: Il World Cheese Awards è il più grande concorso riservato ai formaggi al mondo. Quest'anno si è tenuto ad Oviedo in Spagna. Una giuria di 230 dei maggiori esperti mondiali provenienti da 35 paesi diversi hanno giudicato un record di 4.079 formaggi provenienti da 45 nazioni diverse. I prodotti del caseificio artigianale che si trova nella frazione di Anguillara hanno colpito il palato dei giurati: così il caprino si è imposto con la medaglia d'oro, mentre il pecorino a latte crudo ha guadagnato l'argento.


GLI ESPERTI

I formaggi sono stati assaggiati da più squadre di giudici esperti che hanno valutato tutte le loro caratteristiche (aspetto, odore e gusto, ma anche l'aspetto della crosta e della pasta e la palatabilità) per nominare il Campione del Mondo di formaggio. Per Angela, Chiara ed Elena Morandi, dette anche le cheese sisters, un grande successo, ottenuto dopo tanto impegno: una attività, quella dei Morandi che affonda la sua storia nel secolo scorso quando i trisavoli portarono l'antica arte della transumanza dall'Appenino Modenese alle sponde dell'Adige, nella Bassa Padovana. «Qui, a Borgoforte striscia di terra tra il fiume Gorzone e l'Adige, il nonno Erardo ha trovato un territorio accogliente e fertile dove fermarsi e fissare la sua dimora assieme alla sua famiglia e alle sue greggi», spiega Angela Morandi. «Ogni sera, nostro nonno chiudeva il gregge e iniziava a trasformare il latte in formaggio assieme ai suoi figli tra cui nostro papà Oriano, primogenito di ben 11 fratelli. Fu lui che si appassionò così tanto da non abbandonare mai più quest'antica arte. Oggi dopo lunghi anni di impegno smisurato e passione infinita, Oriano ha reso il caseificio Morandi punto di riferimento per un'affezionata clientela, tramandando a noi, le sue figlie, tutte le competenze e l'amore per questo mondo affascinante e rurale», prosegue Chiara. Aggiunge Elena: «Possiamo con orgoglio dire che le medaglie ottenute premiano non soltanto la passione e la dedizione che tutte noi abbiamo per il nostro mestiere, ma soprattutto la qualità della materia prima fatta di una filiera cortissima e meticolosamente curata, che va poi a caratterizzare fino in fondo il nostro formaggio».

Ultimo aggiornamento: 10 Novembre, 09:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA