Vacanze sicure per i dipendenti Luxottica: tamponi per il Covid anche in spiaggia

Sabato 1 Agosto 2020 di Raffaella Gabrieli
Luxottica ha attivato un camper mobile per i tamponi ai dipendenti in vacanza
1

AGORDO Al motto “Insieme siamo più forti” parte il progetto Luxottica per la sicurezza estiva dei dipendenti e per la ripresa lavorativa a settembre. Se in riva alle spiagge verrà proposto il tampone anti Covid-19 a dipendenti, parenti, congiunti e pure ai clienti dei negozi ottici - si inizia con la Sardegna - a settembre sarà rinnovato lo smart working fino al 31 dicembre per garantire la maggior sicurezza possibile ai lavoratori. 
PROGETTO ESTATE 
«L’estate - spiega l’azienda - porta con sé momenti di incontro, socialità e spostamenti più frequenti che rappresentano il bello di questo periodo ma che possono aumentare il rischio di contatti indesiderati con il virus. Per questo Luxottica ha deciso di portare l’opportunità di effettuare tamponi gratuiti, a scopo preventivo, in alcune delle località turistiche italiane più frequentate, con un nuovo “laboratorio mobile” in partenza in questi giorni dalla Sardegna. L’iniziativa, in fase ancora sperimentale, è dedicata ai dipendenti del gruppo e ai loro conviventi e familiari di primo grado e sarà estesa per la prima volta ai clienti ottici e ai loro dipendenti, all’insegna di un welfare Luxottica che allarga i suoi confini oltre l’azienda e abbraccia una comunità più ampia di persone». 
IL LABORATORIO
I test verranno effettuati attraverso un vero e proprio camper-laboratorio “on the road”, con macchinari avanzati e personale infermieristico abilitato e formato, sotto il patrocinio scientifico del Dipartimento di Medicina Molecolare dell’Università di Padova. L’unità mobile ha iniziato il suo percorso domenica 26 luglio da Olbia e nei prossimi giorni attraverserà la Sardegna, toccando Sassari, Cagliari, Oristano e Alghero, per poi transitare nelle altre regioni. «Comunicheremo via via l’arrivo del “laboratorio mobile” in nuove regioni - aggiunge Luxottica - per essere vicini ai dipendenti e ai propri cari, offrendo un’opportunità apprezzata ai nostri clienti ottici e partner e ricordare a tutti, per tutti, l’importanza della prevenzione e di comportamenti responsabili, a prova di contagio». 
PROGETTO AUTUNNO 
«In questi mesi di convivenza con il virus - sottolinea Luxottica - abbiamo affrontato nuove sfide e abbiamo rivoluzionato la nostra routine privata e lavorativa. Tra i tanti cambiamenti, una costante è rimasta sempre al centro dei disegni e delle decisioni aziendali: la salute delle persone. Con questa priorità in mente stiamo disegnando anche per gli uffici - quelli di Milano in primis - le modalità di rientro in ufficio dopo l’estate e le misure di prevenzione e sicurezza che avremo modo di comunicare nel dettaglio a settembre e che ancora una volta faranno perno sulla collaborazione comune». 
LAVORO AGILE
Tornerà in ballo, con forza, lo smart working. «Fino al 31 dicembre tra Agordo, Milano e Carbonera e gli uffici degli stabilimenti italiani - spiega la multinazionale dell’occhiale - lo smart working rimarrà la modalità di lavoro da preferire per molti dipendenti. Chi lavorerà in ufficio, invece, dovrà seguire protocolli di prevenzione e sicurezza che stiamo ulteriormente rafforzando e che prevedono ad esempio l’obbligo di indossare sempre la mascherina, il ricorso limitato agli ascensori o modalità prestabilite di accesso alle mense. Tra le varie iniziative che intraprenderemo, ad esempio, vi è la nuova “Free desk policy” che stiamo implementando impegnerà tutti a liberare le scrivanie da effetti personali per renderle fruibili in ogni momento da altri colleghi, facilmente igienizzabili e prenotabili attraverso il digitale».
Raffaella Gabrieli
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA