Wuhan, coronavirus addio: in migliaia alla maxi festa in discoteca senza distanze e mascherine

Martedì 18 Agosto 2020
Wuhan, coronavirus addio: maxi festa in discoteca senza distanze e mascherine

Giochi acquatici, canotti e dj-set. Tutto rigorosamente senza mascherina e senza distanze. La vita sembra porprio essere tornata alla normalità a Wuhan, città cinese da cui è partita l'epidemia di coronavirus. Migliaia di persone si sono ammassate in una discoteca all'interno di un parco acquatico, il Wuhan Maya Beach Water Park. Proprio nei giorni in cui il ministro della Salute italiano, Roberto Speranza,  impone lo stop alle discoteche per evitare assembramenti, i giovani cinesi si divertono ballando l'uno vicino all'altro, con l'epidemia che sembra soltanto un lontano ricordo. 

Virus, la Cina trema: un morto di peste bubbonica. Isolato il villaggio della vittima

Il lockdown nella città cinese è stato ufficilamente rimosso dallo scorso 8 aprile e non si registrano casi di trasmissione dalla metà di maggio. Eventi come quello che si vede nelle immagini diffuse sui social media, non sono vietati nella città cinese. Addirittura gli organizzatori del HOHA Water Electrical Musical Festival, (questo il nome del maxi party nel parco acquatico) hanno offerto biglietti a metà prezzo per le donne, in modo da attirare il maggior numero di persone. 

Sui social media cinesi alcuni hanno provato a manifestare una timida preoccupazione, ma senza sortire effetti concreti. I video della festa sono, neanche a dirlo, diventati virali. 

 


Wuhan Happy Valley, il parco divertimenti all'interno del quale è stata ospitata la festa ha riaperto il 25 giugno e nell'ultimo weekend ha visto arrivare oltre 15mila visitatori. Circa la metà di quanti ne avrebbe ospitati nello stesso periodo lo scorso anno. 

Virus, il direttore delle malattie Usa per la prima volta ammette: «Lenti nel riconoscere l'ondata europea, abbiamo fallito»
 

 
 

Ultimo aggiornamento: 19:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA