Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Paracadutista russo attacca Putin: «Noi mandati in guerra con mitragliatrici arrugginite e tattiche dei nostri nonni»

L'accusa: i soldati non sapevano di invadere l'Ucraina fino a quando sono stati costretti a rispondere al fuoco di Kiev

Sabato 13 Agosto 2022
Paracadutista russo attacca Putin: «Noi mandati in guerra con mitragliatrici arrugginite e tattiche dei nostri nonni»

I soldati di Putin non sapevano di invadere l'Ucraina fino a quando sono stati costretti a rispondere al fuoco di Kiev. L'accusa arriva direttamente da un ex paracadutista dell'esercito russo, Pavel Filatiev: secondo il soldato di 33 anni, la sua unità d'élite è stata inviata senza alcun preavviso che avrebbe dovuto affrontare le forze nemiche. Nei suoi racconti, pubblicati in un libro, spiega come gli sia stata data una mitragliatrice arrugginita e un'uniforme inadatta, e che i suoi compagni sono stati spazzati via perché stavano usando le tattiche dei «nostri nonni». Ha detto di essersi svegliato al suono degli spari nel retro di un camion dell'esercito che attraversava il confine alle 2 del mattino del 24 febbraio, il giorno in cui è iniziata l'invasione. Filatiev ha chiesto: «Stiamo sparando contro gli ucraini che avanzano?». «Dove stavamo andando e perché non era chiaro. Era chiaro che era iniziata una vera guerra. Ho scoperto che avevamo l'ordine di andare a Kherson».

Ucraina, gli 007 inglesi: «Mosca arruola volontari fino a 50 anni per combattere nel Donbass». Ma il Terzo Corpo d'Armata non decolla

«Così è iniziata la guerra: noi ostaggi di Putin»

Quando sono iniziati i bombardamenti e i soldati ucraini hanno iniziato a sparare contro i veicoli russi, Filatiev ha detto di essersi reso conto di aver invaso il paese vicino. Ha aggiunto: «È diventato chiaro che avevamo attaccato l'Ucraina». Il paracadutista faceva parte dell'invasione originale, ma presto ha lasciato il campo per motivi medici. 

In alcuni estratti evidenziati dai media indipendenti iStories e Meduza, Pavel ha scritto: «Non avevamo il diritto morale di attaccare un altro Paese, specialmente le persone a noi più vicine. Quando è iniziato tutto questo, non avevamo alcun odio e non pensavamo agli ucraini come nemici. La maggior parte dell'esercito è insoddisfatta di ciò che sta accadendo lì. Sono insoddisfatti del governo e del loro comandante, di Putin e delle sue politiche, del ministro della Difesa, che non ha prestato servizio nell'esercito. Siamo diventati tutti ostaggi di molte forze e credo che ci siamo lasciati trasportare. Abbiamo iniziato una guerra terribile. Una guerra in cui le città vengono distrutte e che porta alla morte di bambini, donne e anziani».

 

Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 09:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA