Yashin, l'oppositore russo anti-Putin condannato a otto anni e mezzo: aveva condannato i crimini di Bucha

Si è mostrato sorridente ai fotografi in tribunale per la sentenza. «Meglio passare 10 anni dietro le sbarre come un uomo onesto piuttosto che bruciare silenziosamente di vergogna per il sangue versato dal tuo governo»

Venerdì 9 Dicembre 2022
Yashin, l'anti-Putin condannato a otto anni e mezzo: aveva condannato i crimini di Bucha

Ha risposto con un sorriso ai fotografi nel tribunale distrettuale Meshchansky di Mosca. Perché la condanna a otto anni e mezzo da parte del regime di Putin la ritiene una vittoria: «Non abbiamo motivo di essere tristi, perché, amici, abbiamo vinto questo processo. È stato concepito come un processo farsa contro un "nemico del popolo" (da me incarnato), ma si è trasformato in un megafono contro la guerra. Abbiamo detto la verità sui crimini di guerra e abbiamo chiesto la fine dello spargimento di sangue. In risposta, tutto ciò che abbiamo sentito è stato un miscuglio di slogan dell'era della Guerra Fredda», ha scritto Yashin su Telegram poco dopo la condanna. 

Putin, in Russia vietato dire la parola «gay»: firmata legge contro promozione di «relazioni sessuali non tradizionali»

La condanna a otto anni e mezzo

Sorride, Yashin, eppure la condanna è arrivata eccome: otto anni e mezzo di carcere in quello che è il caso di più alto profilo fino ad ora di un dissidente russo incarcerato per essersi opposto all'invasione dell'Ucraina. Yashin è stato processato con l'accusa di aver diffuso false informazioni intese a screditare l'esercito russo, ai sensi di una legge introdotta dopo che la Russia ha dato vita all'invasione dell'Ucraina. Nel mese di maggio aveva pubblicato una serie di post sui crimini e sulla tortura di civili da parte delle truppe russe nella città di Bucha.

«Esprimendo odio per il sistema politico della Federazione Russa e rendendosi conto di essere una persona pubblica, Yashin ha creato una vera minaccia alla formazione di un atteggiamento negativo nei confronti delle forze armate della Federazione Russa», si legge nel verdetto, che è stato emesso nel Tribunale distrettuale Meshchansky di Mosca.

La storia di Yashin, veterano anti-Putin

Veterano dell'opposizione russa anti-Putin, Yashin faceva parte di un piccolo gruppo di oppositori alla guerra che hanno scelto di non lasciare il Paese, affermando all'inizio di quest'anno di ritenere che «le voci contro la guerra suonassero più forti e convincenti se una persona rimane in Russia». In un discorso in aula questa settimana, Yashin aveva detto: «Devo rimanere in Russia, devo dire la verità ad alta voce e devo fermare lo spargimento di sangue ad ogni costo. Mi addolora fisicamente pensare a quante persone sono state uccise in questa guerra, quante vite sono state rovinate e quante famiglie hanno perso la casa. Non si può essere indifferente. E giuro che non mi pento di nulla. È meglio passare 10 anni dietro le sbarre come un uomo onesto piuttosto che bruciare silenziosamente di vergogna per il sangue versato dal tuo governo».

Yashin si unisce a un piccolo gruppo di altri eminenti dissidenti che sono stati imprigionati per essersi espressi contro la guerra. A luglio, un consigliere comunale russo è stato condannato a sette anni di carcere dopo aver parlato in modo critico di un concorso di disegno per bambini. «Di che tipo di concorso di disegno per bambini possiamo parlare per la Giornata dei bambini... quando abbiamo bambini che muoiono ogni giorno?» aveva detto. Quella frase poi è diventata la prova chiave contro di lui nel processo. Anche Vladimir Kara-Murza, un altro oppositore, è stato accusato di aver diffuso false informazioni sull'esercito. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA