Ecco perché non è sbagliato dedicare mezza pagina alla fine della relazione tra Salvini e la Isoardi

PER APPROFONDIRE: isoardi, salvini
Buongiorno direttore.
Con tutti i problemi che abbiamo nel Bellunese, nel Veneto ed in Italia, mi sembra ridicolo ed offensivo che il Gazzettino dedichi mezza pagina alla rottura del fidanzamento tra il signor ministro dell'Interno e la signorina Isoardi. Come dice spesso il signor ministro anche io dico me ne frego, anzi me ne frego altamente. Come me penso che tanti lettori siano del mio parere.

Arrigo Cadore
Sospirolo (Bl)


Caro lettore,
se ha davvero ritenuto offensiva quella mezza pagina me ne scuso. Sono abituato a rispettare tutte le opinioni e ad accettare le critiche. Mi permetto però di farle notare che tutti i giornali italiani, nessuno escluso, oggi hanno dedicato ampio spazio alla notizia della fine della love story Isoardi-Salvini. Il Corriere della Sera, tanto per fare un esempio, gli ha dedicato la rubrica più seguita della sua prima pagina. Può darsi che tutti noi giornalisti siamo incorsi in un clamoroso abbaglio o che non conosciamo gli interessi veri dei nostri lettori. O può darsi invece che, accanto a qualcuno che salvinianamente e legittimamente se ne frega, ci sia qualcuno altro che (magari senza ammetterlo) è interessato a conoscere le vicende sentimentali che coinvolgono il vice-premier e una nota conduttrice televisiva. E si attende dunque che il suo giornale ne parli. Del resto c'era un tempo in cui se due fidanzati, ancorchè famosi, si lasciavano, non sentivano l'esigenza di farlo sapere all'universo mondo, con tanto di foto intime e citazioni poetiche a corredo. Oggi le regole della comunicazione, anche di quella interpersonale, sono cambiate e la fine di una storia d'amore può trasformarsi in un tormentone social a uso e consumo di milioni di persone. I giornali, volenti o nolenti, di questo mondo fanno parte e sarebbe sbagliato non tenerne conto o chiamarsi fuori. Quanto agli attuali problemi del Bellunese e del Veneto, non sia ingeneroso con noi: ai guai causati dal maltempo il Gazzettino, solo ieri, ha dedicato 6 pagine nel fascicolo nazionale più altre 7 nell'edizione di Belluno. Non credo sia stato così deplorevole dedicare una mezza pagina ai guai di cuore del politico più famoso d'Italia e della sua celebre ex fidanzata.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 7 Novembre 2018, 05:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ecco perché non è sbagliato dedicare mezza pagina alla fine della relazione tra Salvini e la Isoardi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2018-11-08 10:32:16
Scusatemi. Forse sono io che non capisco. Ma il Ministro dell'Interno, appena rierntrato da Dubai (a far che?) ed il blitz in Cadore, ieri pomeriggio ha passato il tempo registrando la puntata di 8 1/2 dalla Gruber e poi a canale 5 dalla D'Urso. Ma con tutti i problemi che ha il nostro Paese, dalla malavita organizzata (l'ONU ha appena definito la N'Drangheta calabrese, che controlla persino la mafia colombiana e quella nigeriana, una minaccia pericolosa per tutti i Paesi Occidentali) e senza il controllo del territorio in intere Regioni (caporalato, lavoro in nero, contrabbando ecc.) non ha niente di meglio da fare?
2018-11-08 11:42:26
benvenuto nella politica ( snip) 3.0 ...... ruspaaaaaaa
2018-11-08 12:28:11
ma tu credi che se se ne sta nel suo ufficio alla prossima tornata qualcuno lo voti? e poi ad un convegno sui capo reparto mi hanno detto chiaramente che il capo non deve farsi un mazzo ma lo deve fare agli altri. nel senso che deve far lavorare i suoi sottoposti e deve controllare il loro lavoro.
2018-11-08 13:50:26
Appunto se e' in giro "de storneon" tutti i di come fa a controllare il lavoro dei sottoposti ? Ah gia' ha fatto esperienza al parlamento europeo .... anche li da lontano controllava i sottoposti ... deve averlo fatto anche benissimo visto che ci sara ' andato (cene escluse) 2 - 3 volte
2018-11-08 09:58:25
In mezzo a tanti articoli inutili, non sarà certo questo a creare il problema.