Chi viene in Italia deve fare i conti con questo mondo: anche col presepe

PER APPROFONDIRE: natale, presepe, stati uniti
Egregio direttore,
ho vissuto a lungo negli Stati Uniti e quando mio figlio faceva le elementari a Natale l'insegnante mi ha chiesto di raccontare alla classe la storia del Natale e della befana come si svolgeva in Italia.
C'erano bambini di tutto il mondo e di diverse religioni ma alla fine dopo aver ascoltato senza fiatare mi hanno applaudita con entusiasmo, per loro era soltanto una bella favola! Non capisco i problemi che si creano gli italiani su questo argomento, non ferisci nessuno se racconti una bella storia ai bambini che poi a casa loro seguiranno le proprie religioni rispettando la religione del Paese dove hanno scelto di vivere.

S. G.
Padova


Cara lettrice,
torno sull'argomento perché la sua particolare testimonianza conferma, se ce ne fosse bisogno, che il presepe non è un problema creato dagli stranieri che vivono nel nostro Paese, ma da alcuni italiani vittime di una pseudo-ideologia falsamente progressista. Non c'è alcun rispetto nel celare o mistificare le proprie identità o le proprie tradizioni o nel chiamarle in un modo diverso. Anzi: è una forma di razzismo al contrario. Chi vive nel nostro Paese deve aver la possibilità di confrontarsi con la realtà in cui vive e deve crescere. Non c'è nulla in tutto questo di autoritario o di poco rispettoso dei diritti. Anzi è una forma di accoglienza vera, non ipocrita e che non sconfina nella sottomissione. 
Chi viene in Italia e decide di vivere in questo Paese deve fare i conti con questo mondo. Non esserne escluso o relegato nella sua dimensione culturale o familiare.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 5 Gennaio 2018, 13:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Chi viene in Italia deve fare i conti con questo mondo: anche col presepe
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 32 commenti presenti
2018-01-06 14:06:46
Io ho lavorato in Inghilterra e in Germania per brevi periodi tanti anni fa. La mia unica preoccupazione era di comportarmi secondo la legge e le regole del buon vivere per essere accettato. Così è stato. Mi sono trovato benissimo. E' stato il periodo più bello della mia vita.
2018-01-06 06:12:31
Ne tengono conto , eccome! 1- negoziante espone presepio minimo , con statuette in argento.Alcune clienti fanno comprere di poco conto e Le chiedono con fare ammirato e complimentoso se il metallo luiccicante sia solo cromatura o vero argento.In effetti alla negoziante scappa di dire che non e' vile metallo cromato ed e' solo per esposizione, ricordo di famiglia..Le Clienti dopo alcuni giorni ripassano ,le chiedono un articolo strano da ricercare in ripostiglio, quando la negoziante ,sola agestire il negozio in ora mattutina ,rientra , comunica che l'articolo richiesto non c'e', le acquirenti mancate se ne vanno,e solo dopo qualche ora si accorge che e'sparito pure il presepe prezioso dalla vetrina.Solo allora si rende conto dell'accento dell'italiano delle clienti occasionali. 2-Presepe in sala d'attesa per radiografie in Ospedale.Su una vecchi portantina a rotelle e' stato allestito presepio con staute in terracotta di pregevole fattura.Le infermiere ed i pazienti sono ammirati, ma verso la fine del turno giornaliero prima di notte un'infermiera spinge il carrello in ripostiglio chiuso..confida che gia' alcuni personaggi sono stati sgraffignati...da un qualche esponente della fauna di sedicenti visitatori parenti.Spariti pure rotoli di carta igienica e svuotati dispensatori di sapone nei bagni....lenzuola e coperte.
2018-01-05 19:43:58
Se esiste conflitto tra leggi, usi e costumi degli immigranti e leggi usi e costumi del Paese Ospite,leggi usi e costumi del Paese Ospite devono prevalere.Non lasciatevi fregare un Paese per fondare il quale centinaia di migliaia sono morti per far piacere a Quattro sedicenti intellettuali di sinistra e per riempire le tasche di sedicenti associazioni di beneficenza.Non permettete inoltre che culture straniere creino comunita' refrattarie e ostili alla cultura del Paese Ospite.
2018-01-05 19:32:47
Nelle aule delle scuole italiane vengono spesso rappresentati i vari eroi dei cartoni animati, ma guai rappresentare la Sacra Famiglia.
2018-01-05 21:15:45
Ma quelli dei cartoni animati sono personaggi la cui presenza non intacca la laicita' dell'istituzione scolastica. La sacra famiglia e' gia' studiata abbondantemente nella storia dell'arte.