Maradona è stato il più grande sui campi di calcio. Ringraziamolo e ignoriamo le sue imprese extra sportive

PER APPROFONDIRE: maradona
Egregio direttore,
seguo da sportivo i mondiali in Russia, trasmessi sulle reti Mediaset, con le telecronache delle partite corroborate da trasmissioni che commentano i contorni tecnici,le curiosità riferite alle tifoserie e con pareri di ex calciatori e allenatori. A margine di tutto ciò, compare e ricompare la figura di Maradona, con i suoi atteggiamenti e pose che sono tipici del personaggio. L'altro ieri, dopo la sudata vittoria dell'Argentina, ha pensato bene di esibire alle telecamere il dito medio di entrambe le mani, gesto che dimostra una volta di più la sua irriverenza e mancanza di rispetto verso tutti. L'ex pibe de oro, con il suo gesto ha trovato parziale comprensione nella trasmissione che commentava i risultati calcistici della giornata, ritenuto sbagliato, ma giustificato come gesto istrionico del carismatico autore. Seguo il calcio da più di 60 anni, e ho assistito alle gesta tecniche di grandi campioni e nessuno ha avuto e continua ad avere la visibilità di Maradona, che viene ad ogni occasione ricordato per il gol con la mano di dios che ha fatto vincere il campionato all'Argentina, invece di stigmatizzare tale comportamento. Il calcio e il mondo sportivo tutto trae positività dai campioni come testimonial utilizzando i personaggi più meritevoli, che possano essere da esempio per chi pratica o segue lo sport.

Franco Polesel
Mestre


Caro lettore,
l'unica possibile positività di Maradona è quella ai controlli per l'uso di sostanze stupefacenti. Per il resto nessuna persona dotata di un briciolo di intelligenza e di senso della realtà può considerare il pibe d'oro argentino un testimonial di principi e valori sportivi, né un esempio da seguire, fuori e dentro il campo. Ma l'enorme visibilità di cui gode Maradona è comunque giustificata: Diego Armando è stato il più grande giocatore della storia del pallone, l'unico capace di caricarsi sulle spalle una squadra e farla vincere. Ci è riuscito con il Napoli nel campionato italiano e con l'Argentina ai Mondiali. La mano de dios con cui segnò un gol decisivo all'Inghilterra è solo un diabolico episodio di un carriera che, comunque la si guardi, è stata fenomenale e irripetibile. E tanto basta. Maradona è questo e non altro. Nostro Signore gli ha donato piedi eccezionali. Sul resto è stato probabilmente un po' avaro. Ma va bene così.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 29 Giugno 2018, 14:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Maradona è stato il più grande sui campi di calcio. Ringraziamolo e ignoriamo le sue imprese extra sportive
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-06-30 13:04:58
e dopo 60'anni non hai ancora capito quanto schifo fa quello sport, poi non lamentatevi se il mondo va a rotoli.
2018-06-30 10:37:44
per me puo anche andare a zappare l'orto.
2018-06-30 06:54:41
Quando tifosi e giocatori di pallone si infortunano,cercano il grande medico esperto nelle cure, non un altro tifoso della stessa squadra o un altro abile giocatore.Magari il medico che li salva e'una schiappa in tale gioco.Percio' la sua attivita' , coadiuvata dainfermieri, farmacisti, tecnici di macchine varie,e' piu'meritoria anche se meno pagata e idolatrata.Comunque se molti si concentrano tutti nel gioco dal calcio e relativi commenti e trasmissioni...va bene lo stesso in quanto altri ci campano sopra.
2018-06-29 16:54:27
Ma anche fosse stato un esempio di virtu', non e' che infilare una palla entro una rete, con altri che ti ostacolano, sia poi una impresa di cui l'umanita' non potrebbe fare a meno.L'unico buon effetto e ' che distrae moltissimi negli stadi ed a casa, e non si impicciano di altro lasciando liberi i "padroni del vapore".Fatto sta che in Italia...non e'che stiamo cosi'male senza la nazionale in lizza....avrenmmo dovuto coprirci il capo di cenere?Il gran gioco regge finche' qualcuno non grida che il re e' nudo.In Usa si entusiasmano per altro.Un tempo si divertivan con i giochi dei gladiatori, la lotta con le belve feroci tra loro o contro umani..o contro i cristiani
2018-06-29 15:04:51
No sig. Direttore no! Non è stato il più grande dimentica Pelè, di Stefano e altri. Ha portato a vrncere il napoli ed in italia è il simbolo di questa squadra lo fosse stato di un’altra non sarebbe stato così. Trovo incomprensibile che ci sia stata scoperta la sua positività solo così tardi e che abbia avuto una squalifica così leggera. Quello che è adesso lo vedono tutti. A pensare che è noto come la mano di Dio fa capire tutto.