Contratto di governo, non basta sottoscriverlo bisogna anche rispettare i contenuti

PER APPROFONDIRE: contratto, governo, lettere al direttore
Egregio Direttore,
Le chiedo cortesemente di erudirmi sul vocabolo contratto parola d'ordine per la nascita del futuro governo, se nascerà. Personalmente avrei preferito sentir parlare di accordo, intesa o di patto... Il termine contratto lo vedrei più adatto alla contrazione muscolare, cosa che trapela fra le parti, o al mondo degli affari dove due o più soggetti si impegnano ad esempio a una compravendita, a un rapporto di lavoro o quando si tratta di appalti dove in causa sono l'appaltatore e l'appaltante. Quando una delle parti viene meno deve essere condannato a risarcire l'altro contraente, nel caso nostro chi pagherebbe? L'oggetto del contendere è il Paese e il Popolo Italiano, ricordiamolo. Il contratto è stato sottoposto all'approvazione on line e ai gazebo, perchè? A cosa serviva? Se si vuol rispettare il mandato del 4 marzo se hai i numeri governi, si rispetti la Costituzione. Chi ha vinto le elezioni, o meglio chi è arrivato primo? Sempre a detta del contratto sottoposto ad approvazione mi vien da pensare alla Svizzera dove là si che a decidere ogni cosa importante la sovranità spetta al popolo chiamato a votare i vari provvedimenti. È il popolo che di fatto legifera. Però quel Parlamento è meno numeroso e molto meno meno costoso, così come il Governo.

Celeste Balcon
Belluno

Caro lettore, 
un testo fondamentale per la politica moderna, il trattato che definì i principi base dei diritti dei cittadini e dello Stato democratico, è il Contratto sociale del filosofo svizzero Jean Jacques Rousseau pubblicato nel 1762. Un libro sempre di grande attualità. Quindi, anche sul piano teorico, il termine Contratto è del tutto adeguato se applicato alla politica e anche per definire un'intesa di governo. Questo termine presuppone infatti, nell'accezione ampia che gli diede Rousseau, un impegno che va oltre il semplice accordo tra forze politiche, ma presuppone un patto di ampio respiro e fondante tra di loro e i cittadini. Che M5S e Lega abbiano voluto parlare di Contratto e ne abbiano messo per iscritto i contenuti, non è dunque sbagliato. Anzi, si tratta di una scelta ambiziosa. 
Ma alle ambizioni devono seguire i fatti. Si tratta di capire cioè chi dovrà dare concretezza ai contenuti di questo Contratto. 
In quali tempi, con quali uomini e con quali risorse. E su tutto questo noi, come molti altri italiani, aspettiamo ancora di capire cosa accadrà. Senza pregiudizi e riserve mentali. Ma senza neppure mai dimenticare che i Contratti, una volta che vengono sottoscritti, vanno poi rispettati. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 24 Maggio 2018, 14:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Contratto di governo, non basta sottoscriverlo bisogna anche rispettare i contenuti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-05-25 14:25:16
auguri a Di Maio e Salvini di buon lavoro... visto che sarà il primo della loro vita per entrambi
2018-05-25 13:52:33
Noi a Mira li abbiamo avuti per 5 anni, ancora oggi stiamo pagando i disagi di quella disastrosa amministrazione, perfino ci hanno tolto i cassoneti delle ramaglie e adesso il giardiniere ci costa di più perchè deve portare l'erba tagliata a Mirano, solo per dirne una, comunque è giusto provarli, il guaio è che se va male ( naturalmente spero che vada tutto per il meglio) il conto lo dovremo pagare noi e non certamente Grillo o Salvini, e questa volta sarà un conto da ecatombe come ha detto ieri sera su Rete Veneta il noto economista Benettazzo ,che una volta parteggiava per la lega.
2018-05-25 13:35:57
Quando la rabbia monta in cattedra la mente si offusca e una volta individuato un nemico, vero o falso, poco importa, tutte le nostre frustrazioni, anche di carattere familiare le riversiamo contro, una volta era colpa dei sindacati e dei comunisti , poi è successo con Berlusconi, e una volta uscito di scena, ce la siamo presa con Renzi. Adesso tocca a Salvini e a Di Maio (Grillo), ma a criticare ha cominciato il buon Zagrebelski, noto costituzionalista, proposto dai grillini come Presidente della Repubblica, ora dichiara che uno stravolgimento del dettato costituzionale, con il contratto e le procedure messe in atto dai nostri eroi, che vogliono cambiare il mondo, umiliando perfino la figura di Mattarella, non si è mai verificato fin dalla nascita della Repubblica. Se il buon giorno si vede dal mattino.... ma sono convinto che il huon Zagrelbeski presto sarà tacciato da vecchio trombone, .. scommettiamo?
2018-05-25 10:08:44
pure Silvio sottoscrisse un contratto con gli itaGliani nel salotto di bruno vespa (rimborsato da Zonin prima del crac...). Contratto che poi divenne carta straccia!...
2018-05-24 21:24:37
Purtroppo, non sempre succede che chi vuol rispondere per altri abbia ben capito la domanda...