Ragazzina denuncia il patrigno: «Abusi su mamma per 4 anni, si infilò anche nel mio letto»

PER APPROFONDIRE: abusi, inchiesta, milano, ospedale
Ragazzina denuncia il patrigno: «Abusi su mamma per 4 anni, si infilò anche nel mio letto»
Le aggressioni andavano avanti da almeno quattro anni e l'ultima risale a una decina di giorni fa, quando, dopo essere finita in ospedale con le costole e il naso rotti, si è decisa a denunciare il compagno dal quale lo scorso giugno ha avuto un bimbo. Ma a raccontare ai pm quel che accadeva nella loro casa a Milano, scene a cui ha assistito terrorizzata più volte, è stata la figlia maggiore della donna, una 14enne, a sua volta vittima di abusi. Ora l'uomo, 44 anni, è in carcere con l'accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni e atti sessuali nei confronti della ragazza.

Ragazza 14enne violentata dal branco ma lei era «incosciente»: pena ridotta per gli aggressori

L'inchiesta lampo è stata coordinata dal pm Francesca Gentilini e dal procuratore aggiunto Letizia Mannella mentre l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita dalla polizia di Stato, è stata firmata dal gip Alessandra di Fazio. Il 44enne, con precedenti per spaccio, finito a San Vittore, nel 2018 era stato assolto dal reato di maltrattamenti e lesioni perché le accuse erano state ritenute inattendibili per la reticenza della sua compagna che, nonostante le botte, lo ha sempre riaccolto in casa. A squarciare il velo sul caso con al centro i pesanti maltrattamenti che andavano avanti da anni è stata la ragazzina, stanca di quell'incubo: ha ricostruito con gli agenti e il pm le vessazioni in famiglia, in particolare quelle a partire dallo scorso aprile, ovvero da quando è ritornata a casa dopo un periodo trascorso in comunità.

Abusa di una 12enne e finisce in cella, dopo 18 anni va a cercarla a Bologna: «Devi morire»

La giovane, che è incinta, da quanto si è appreso, pur essendo molto legata alla madre da tempo non riusciva più ad assistere a quelle scene: era andata a vivere dalla nonna, oppure in comunità e dopo l'ultima aggressione di ottobre, era stata ospitata dalla famiglia del suo fidanzatino. Primogenita di quattro figli avuti dalla 41enne con uomini diversi e tutti allontanati e collocati in altre famiglie - compreso l'ultimo nato con segni di astinenza da cannabis, sostanza di cui faceva uso la coppia - la 14enne ha raccontato che in più occasioni ha dovuto nascondere i fratellini nell'armadio per evitare che vedessero quel che subiva la madre e per proteggerli dalla furia del patrigno. Il quale, non sopportando il loro pianto, era solito metterli sotto la doccia fredda, picchiarli e infilarli a letto ancora bagnati.

«Mamma mostro» lascia che un amico di famiglia violenti per anni le sue due bambine

La ragazza ha anche parlato di un approccio sessuale del patrigno quando lei aveva 12 anni: l'uomo avrebbe provato a infilarsi nel suo letto ma la ragazzina ha reagito riuscendo a fermarlo. «È una storia di squallore e degrado umano - ha commentato il dirigente del commissariato di zona, Antonio D'Urso, che con la sua squadra ha condotto le indagini -. La svolta è arrivata grazie alla ragazzina che ha trovato il coraggio di chiederci aiuto dopo l'ennesimo pestaggio della madre, a cui l'uomo ha rotto costole e naso nei giorni scorsi».

Studentessa di 18 anni violentata mentre rientra al campus universitario
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 2 Novembre 2019, 17:36






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ragazzina denuncia il patrigno: «Abusi su mamma per 4 anni, si infilò anche nel mio letto»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti