Scuole chiuse in Campania e in Basilicata da lunedì. Bonaccini: «In Emilia stiamo valutando»

Sabato 27 Febbraio 2021
Scuole chiuse in Campania e in Basilicata da lunedì. Bonaccini: «In Emilia stiamo valutando»

Scuole chiuse anche in Campania. Il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, ha firmato l'ordinanza che dispone la sospensione dell'attività didattica in presenza dei servizi educativi per l'infanzia e nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché nelle Università. La misura ha decorrenza da lunedì 1° marzo e fino a domenica 14 marzo. La misura era stata annunciata ieri dal governatore campano nel corso di una diretta Facebook.

E da lunedì, quando la Basilicata diventerà zona rossa, la didattica a distanza sarà obbligatoria in tutte le scuole lucane. Lo si è appreso a Potenza al termine di una riunione dell'Unità di crisi regionale. Nelle prossime ore saranno resi noti i dettagli dell'ordinanza che sarà firmata dal presidente della Regione, Vito Bardi.

Scuole chiuse anche a Enna fino al 13 marzo. Lo dispone un'ordinanza firmata dal sindaco Maurizio Dipietro che prevede la sospensione della didattica in presenza nelle «istituzioni scolastiche pubbliche e private, primarie e secondarie di primo grado e secondo grado, nelle Istituzioni universitarie, nelle istituzioni formative professionali secondarie di secondo grado (Iefp), negli Istituti tecnici superiori (Its) e nei percorsi di Istruzione e formazione tecnica superiore (Ifts)». Stop anche ai servizi socio-educativi per la prima infanzia e a quelli delle scuole dell'infanzia. 

Covid, i focolai aumentano, metà Italia richiude: «Fermiamo le scuole»

Covid, contagi su del 35% in 2 giorni: l'età media scende a 44 anni

L'ordinanza arriva dopo una nota del dipartimento prevenzione dell'Asp 4 di Enna - Gruppo operativo Covid, nella quale si dà atto della «mutata situazione epidemiologica, con un incremento sensibile dei casi di positività, dovuti alla presenza in ambito scolastico del personale e degli alunni». Un incremento che «attiene indifferentemente tutte le fasce d'età della popolazione scolastica» e che ha visto già la sospensione temporanea dell'attività didattica di cinque classi in cinque diversi istituti e della scuola dell'infanzia. 

 

 

Bonaccini: valutiamo chiusura in Emilia

«Chiusura delle scuole? Se ci sono aumenti dei contagi Covid soprattutto nella fascia della popolazione più giovane, ascoltando i sindaci dei territori e le Ausl, sono pronto a firmare ordinanze restrittive come fatto per Bologna e Città Metropolitana giovedì scorso». Lo ha detto il presidente dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini a margine di un'iniziativa nel Reggiano. L'ordinanza da 'arancione scurò per il Bolognese e quattro comuni del Ravennate - rispetto alla fascia arancione che riguarda la regione nel complesso - prevede la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, fatta eccezione per le scuole dell'infanzia. «La terza ondata - ha aggiunto - vede protagonista la cosiddetta variante inglese che colpisce i più piccoli con una trasmissione molto più rapida. E più che per tutela loro, anche se negli ultimi giorni abbiamo visto ricoveri di bambini a Bologna, dobbiamo evitare che trasmettano il virus a casa».

Ultimo aggiornamento: 10 Marzo, 12:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA