Mini naja, primo ok alla Camera: sei mesi di caserma e studio per giovani tra 18 e 22 anni

PER APPROFONDIRE: caserma, mini naja
Mini naja, primo ok alla Camera: sei mesi di caserma e studio per giovani tra 18 e 22 anni
Sì alla mini naja di sei mesi: il primo ok è arrivato alla Camera e il progetto di legge ora passa al Senato. Il servizio per giovani tra 18 e 22 anni dura sei mesi di caserma e studio. Corsi di e-learning, permanenza in caserme e strutture formative delle Forze armate ma anche studio dei valori della cittadinanza e della difesa della Patria e della conoscenza delle principali minacce alla sicurezza interna e internazionale: si articola in questo la 'mini naja' di sei mesi prevista dalla proposta di legge approvata dall'Aula della Camera con il solo voto contrario di Leu e che ora passa al Senato.

Leva obbligatoria, Trenta gela Salvini: «Solo un'idea romantica, servono professionisti»

Israele, parla un riservista: «Io, da Roma alla frontiera richiamato per la guerra»
 


La proposta di legge avvia un progetto sperimentale per valutare la possibilità di svolgere percorsi formativi in ambito militare, su base volontaria, rivolti a cittadini italiani diplomati di età compresa tra i 18 e i 22 anni che «non abbiano tenuto nei confronti delle Istituzioni politiche dello Stato comportamenti che non diano garanzia di assoluta fedeltà alla Costituzione ed alle esigenze della sicurezza nazionale».

Il progetto di formazione semestrale di formazione in ambito militare, la cui frequenza non sarà retribuita ma farà maturare crediti universitari e titoli per la valutazione ad ufficiale di complemento, si articola in corsi di studio in modalità e-learning, ma anche con la permanenza presso le strutture formative, operative e addestrative delle Forze armate e dell'Arma dei carabinieri. Sono previste sessioni formative per la comprensione del valore civico della difesa della patria quale sacro dovere di ogni cittadino, la cognizione degli alti valori connessi alla difesa delle istituzioni democratiche attraverso lo strumento militare in Italia e all'estero.

Ma nei sei mesi di corso verranno anche approfonditi i principi fondamentali dell'ordinamento militare e la conoscenza delle principali minacce alla sicurezza interna e internazionale. Per sei mesi, dunque, i giovani studieranno le Istituzioni preposte alla protezione cibernetica nazionale, con una conoscenza approfondita del tema relativo all'evoluzione delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nell'ambito delle Forze armate e al conseguente sviluppo di adeguati sistemi di difesa cibernetica.

La proposta di legge avvia un progetto sperimentale per valutare la possibilità di svolgere percorsi formativi in ambito militare, su base volontaria, rivolti a cittadini italiani diplomati di età compresa tra i 18 e i 22 anni che «non abbiano tenuto nei confronti delle Istituzioni politiche dello Stato comportamenti che non diano garanzia di assoluta fedeltà alla Costituzione ed alle esigenze della sicurezza nazionale». Il progetto di formazione semestrale di formazione in ambito militare, la cui frequenza non sarà retribuita ma farà maturare crediti universitari e titoli per la valutazione ad ufficiale di complemento, si articola in corsi di studio in modalità e-learning, ma anche con la permanenza presso le strutture formative, operative e addestrative delle Forze armate e dell'Arma dei carabinieri. Sono previste sessioni formative per la comprensione del valore civico della difesa della patria quale sacro dovere di ogni cittadino, la cognizione degli alti valori connessi alla difesa delle istituzioni democratiche attraverso lo strumento militare in Italia e all'estero.

Ma nei sei mesi di corso verranno anche approfonditi i principi fondamentali dell'ordinamento militare e la conoscenza delle principali minacce alla sicurezza interna e internazionale. Per sei mesi, dunque, i giovani studieranno le Istituzioni preposte alla protezione cibernetica nazionale, con una conoscenza approfondita del tema relativo all'evoluzione delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nell'ambito delle Forze armate e al conseguente sviluppo di adeguati sistemi di difesa cibernetica.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 27 Marzo 2019, 19:37






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mini naja, primo ok alla Camera: sei mesi di caserma e studio per giovani tra 18 e 22 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 37 commenti presenti
2019-03-31 10:22:18
Almeno non staranno in giro a fare i balordi.
2019-03-28 17:41:58
potremmo fare il "Ministero Della Legittima Difesa" con una mini flottiglia di volontari che affrontasse le ONG?
2019-03-28 15:22:30
Una boiata che ci costera' inutilmente molti soldi.
2019-03-28 14:24:09
la "mini naja" per imparare a "difendersi da soli"? visto che con una "legittima difesa" forse "potremo" sopravvivere "In Casa" all'"invasore straniero".dopo che l'"esercito" ha lasciato in"ritirata strategica" che ci invadessero mi ricorda un bel film Alba Rossa "Nessun esercito straniero aveva mai occupato il suolo americano. Finora" dove i soliti sette ragazzi mettono scompiglio negli eserciti sovietico e cubano.
2019-03-28 13:52:29
Dove ha fallito la scuola o dove hanno fallito i genitori? È bello delegare le proprie responsabilità ad altri.