Anci Veneto: «Il nuovo Dpcm provoca danni enormi a ristorazione, cultura e turismo»

Domenica 25 Ottobre 2020 di Redazione online
I sindaco Mario Conte

Il Presidente di Anci Veneto, Mario Conte (sindaco di Treviso), interviene sul nuovo dpcm esprimendo la preoccupazione dei sindaci «per un provvedimento che rischia di provocare danni enormi alla ristorazione, alla cultura, alle attività sportive (piscine in primis) ed a chi si occupi di convegnistica, turismo e catering».

SCARICA IL DOCUMENTO in PDF 

«Il Governo fa pagare ad altri le proprie incapacità gestionali che sono più che mai evidenti - rileva -. Per questo in linea con quanto chiesto dalle Regioni chiediamo immediato ristoro per tutte quelle attività che sono danneggiate da un provvedimento che non ha tenuto conto delle istanze dei territori. In questi mesi i sindaci sono stati spesso inascoltati fatto salvo poi riversare sulle amministrazioni comunali non solo l'attuazione della scelte, ma anche la gestioni ed i controlli». Per Conte, «i sindaci hanno cittadini ed imprese fuori dalle porte dei Comuni che sono ogni giorno più stanchi e preoccupati. Con questo modus operandi di scelte calate dall'alto - rileva - il Governo ci lascia completamente soli nella gestione quotidiana dei provvedimenti senza mai ascoltarci. I sindaci, per esempio, da mesi segnalano le criticità del trasporto pubblico locale bisognoso di investimenti e interventi, ma a Roma non hanno dato importanza a queste richieste come è accaduto con le Regioni con l'ultimo dpcm».

 

Con la decisione di chiudere alle 18 i ristoranti «si assesta un durissimo colpo a queste attività che sono il cuore pulsante dei centri storici dei Comuni - conclude - . Nei mesi scorsi siamo stati vicini ai ristoratori con misure ed interventi ad hoc che potessero facilitare la ripresa, ma ora è tutto davvero più complicato. Infatti molti ristoranti rischiano di abbassare le serrande definitivamente e questo significa svuotare i centri storici creando un problema che ha valenza sociale». 

Ultimo aggiornamento: 15:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA