Umberto Bossi a rischio al Senato, possibile altro colpo per la Lega

Nella circoscrizione del senatur, la Lega si è fermata al 14% e gli unici candidati proporzionali della coalizione sono andati a Fratelli d’Italia

Lunedì 26 Settembre 2022
Umberto Bossi non è stato rieletto al Senato, altro colpo per la Lega
2

Umberto Bossi non sarebbe stato rieletto. Secondo quanto riporta l’AdnKronos, tra i 23 senatori eletti in quota proporzionale per la Lega non figura il nome del fondatore, candidato come capolista al collegio plurinominale di Varese-Busto Arstizio. Nella circoscrizione del senatur, la Lega si è fermata al 14% e gli unici candidati proporzionali della coalizione sono andati a Fratelli d’Italia.

Meloni al lavoro su governo e programma, Fdi: «Costituzione bella, ma ha 70 anni»

Se la notizia fosse confermata sarebbe un nuovo duro colpo per la Lega di Matteo Salvini, già al centro della tempesta per un deludente risultato nazionale sotto al 9%. Per Bossi sarebbe la decima elezione tra Camera e Senato, un record inferiore soltanto a quello di Pierferdinando Casini, rieletto per l’undicesima volta nell’uninominale di Bologna. Protagonista dell’ascesa del partito negli anni Ottanta, Bossi era entrato per la prima volta in parlamento nel 1987 e nel 1994 era stato tra i protagonisti del primo governo Berlusconi. 

Per ora dalla Lega non confrmano l'esclusione dello storico fondatore. «Di ufficiale non c'è
nulla, solo domani sapremo», ha dichiarato all'Ansa Fabrizio Cecchetti, capogruppo lombardo della Lega. «Mi sembra strano per i numeri della rappresentanza, ma dobbiamo verificare», ha aggiunto, incolpando del tumulto l'effetto flipper, ovvero il meccanismo per cui i resti delle percentuali ottenuti in un regione possono essere trasferiti in un'altra per raggiungere a quota proprozionale nazionale.

Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 07:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci