Sondaggi politici, Fdi al 31,4% (e cresce il gradimento per Giorgia Meloni). Lega in calo, M5S davanti al Pd

La fiducia nel premier al 49%, segno che i primi provvedimenti e la legge del bilancio hanno riscosso successo tra gli elettori. La rilevazione di Pagnoncelli

Sabato 26 Novembre 2022 di Fausto Caruso
Sondaggi politici, Fdi al 31,4% (e cresce il gradimento per Giorgia Meloni). Lega in calo, M5S davanti al Pd

Cresce il consenso per Giorgia Meloni e FdI. L’ultimo report mensile di Nando Pagnoncelli di Ipsos per il Corriere della Sera registra un aumento delle intenzioni di voto per il partito della Premier che si attesta al 31,4%, oltre 5 punti in più di quanto ottenuto alla urne e in crescita di 1,6 punti sulla rilevazione precedente. Ad aumentare è anche la fiducia nel presidente del Consiglio: il 49% degli Italiani esprime un giudizio positivo su Meloni e il 46% fa altrettanto col suo governo.

Elezioni regionali, sondaggio Scenari Politici: nel Lazio FdI sfiora il 34%. In Lombardia centrodestra oltre il 50%

Sondaggi politici, soddisfazione per il governo

Un segnale non banale a un mese dalla nascita dell’esecutivo che dimostra che, al di là di qualche polemica, i primi provvedimenti e la legge di bilancio sono stati generalmente ben accolti. Il dato, considerando anche il 35% di giudizi negativi e togliendo chi non si esprime, si traduce in un indice di gradimento per la premier di 58, che va ben al di là del bacino di voti del centrodestra che rappresenta il 26,7% del bacino elettorale. Limitando le aree di rilevamento agli elettori di centrodestra le percentuali diventano plebiscitarie: la fiducia è al 95% tra quelli di FdI, 93% tra i leghisti e 85% per quelli di Forza Italia. Ma anche il 28% degli elettori Pd e il 31% dei Cinquestelle esprimono un parere positivo. Per quanto riguarda la stratificazione sociale, i giudizi favorevoli sulla premier viaggiano oltre il 60% tra imprenditori e liberi professionisti (66%), impiegati, operai e autonomi, mentre calano al 46% tra le fasce a basso reddito e i disoccupati.

Elezioni Regionali Lombardia, Conte: «Disponibili se Pd vuole confronto». Lega: Election day 12-13 febbraio insieme al Lazio

La maggioranza

Se FdI cresce lo fa soprattutto a spese degli alleati. La Lega registra una diminuzione di consensi che la porta al 7,3%, nonostante diverse misure bandiera inserite in manovra, mentre è ormai cronico il calo di Forza Italia che si attesta a non più del 6,8%, alla pari col Terzo Polo di Calenda e Renzi, a sua volta in discesa. La coalizione, trainata da Fratelli d'Italia ottiene comunque un 46,7% totale. Certo i singoli sondaggi possono essere oggetto di errore statistico e altre rilevazioni, come quella di Euromedia di Alessandra Ghisleri per la Stampa, raccontano un quadro leggermente diverso. Qui Fdi si ferma al 28,3 mentre la Lega tiene al 9,5. Il dato che rimane evidente è comunque un consenso per la maggioranza pari o più alto rispetto al giorno delle elezioni.

L’opposizione

Musica diversa nel centrosinistra. Il Partito Democratico, in preda alla lotta interna tra le correnti e in attesa che il congresso di febbraio produca un nuovo o una nuova leader, scende al 17,2%, e rimane dietro al Movimento Cinque Stelle, che ottiene il 17,5% (Per Ghisleri il Pd ha la stessa percentuale, ma è davanti ai grillini fermi al 16,8%). Leggera crescita anche per Alleanza Verdi Sinistra, che guadagna mezzo punto e sale al 4,2%. Bonelli e Fratoianni non sembrano dunque risentire della vicenda Soumahoro, che però è scoppiata nell'ultima settimana e potrebbe non aver ancora influito troppo sulle preferenze di voto. La coalizione di centrosinistra rimane comunque al 23,5% in calo di oltre 3 punti dal 25 settembre e con oltre 20 di distacco dalla destra.

Soumahoro, la ferita alla credibilità politica che non piace a Bonelli: «Deluso e amareggiato. Doveva avvertirci»

Il trend che si evidenzia è un elettorato che, passata la fase dell’unità nazionale, si sta radicalizzando sui partiti con posizioni più forti, quindi FDI a destra e M5S e AVS a sinistra, mentre i partiti "moderati" come PD e Azione-Iv ne risentono. Una valutazione che si conferma anche col dato della fiducia nei leader che vede al primo posto (Meloni esclusa) Giuseppe Conte col 33%, seguito da Salvini col 26%. Più dietro Calenda che tocca quota 20. Solo il 17% per il segretario uscente del Pd Enrico Letta.

Ultimo aggiornamento: 27 Novembre, 09:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci