Gran Sasso, precipitano dal Calderone: due escursionisti gravi, sedicenne rischia la vita

Domenica 1 Novembre 2020 di Tito Di Persio
Abruzzo, precipitano dal Calderone: due escursionisti gravi, sedicenne rischia la vita

Un ragazzo di 16 anni grave, ferito anche il suo compagno di scalata 27enne. L'incidente di montagna si è verificato questa mattina a Prati di Tivo, tra il Calderone e il Rifugio Franchetti, sulla Morena, in provincia di Teramo. I due alpinisti aquilani, tra cui il ragazzo 16enne, sono precipitati lungo la parete per cento metri ed ha riportato gravissime ferite. Immediato l'intervento dei tecnici del corpo nazionale di soccorso alpino, dopo l’allarme che è stato  lanciato da un terzo alpinista, testimone dell'agghiante volo. Gli esporti del Cnsas d'Abruzzo hanno raggiunto la zona dell'incidente - a 2700 metri di quota - con il verricello e con il rianimatore hanno prestato i primi soccorsi ai due giovani.

Video

I due feriti, che hanno riportato diverse fratture e traumi, sono stati trasferiti in elisoccorso all’ospedale Mazzini di Teram. Critiche le condizioni del minorenne. Secondo una prima ipotesi, pare che a tradire i due amici in arrampicata sia stato il ghiaccio che questa mattina ricopriva la Morena e gran parte delle pareti del Gran Sasso: uno strato quasi invisibileche si sarebbe staccato all'improvviso facendoli precipitare.

Il ragazzo di 16 anni è ricoverato in rianimazione, la prognosi è riservata. Con lui un altro 27enne le cui condizioni sono state giudicate dai medici meno gravi. I due escursionisti di Avezzano erano sopra il Rifugio Franchetti, nel territorio di Pietracamela, zona Teramana del Gramn Sasso: erano partiti questa mattina approfittanto delle giornata fredda da serena per fare alpinismo: i due sono considerati alpinisti esperti di montagna, anche il ragazzo di 16 anni, insieme hanno fatto impegnative escursioni sulle Alpi.

Condizioni gravissime: così il team chirurgico multidisciplinare all'opera nel reparto operatorio dell'ospedale di Teramo giudica le condizioni del 16enne di Avezzano. Il giovane ha riportato politraumi, in particolare al
cranio, al torace, al bacino e all'addome: gli è stata asportata la milza e stabilizzato il bacino. Secondo quanto si è appreso, è in corso una operazione in radiologa interventistica sugli altri organi e poi sarà trasferito nel reparto di rianimazione.


Stando ad una prima ricostruzione, il giovane sarebbe precipitato nel vuoto per molti metri a causa di problemi al gancio e alla corda che stava utilizzando per scalare una parete.

Ultimo aggiornamento: 3 Novembre, 15:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA