Cristiano Lucarelli, arrestato il figlio Mattia per violenza sessuale di gruppo. L'ex calciatore: «È innocente»

La violenza sarebbe stata commessa lo scorso marzo ai danni di una studentessa americana dopo una serata in discoteca

Venerdì 20 Gennaio 2023
Cristiano Lucarelli, arrestato il figlio Mattia per violenza sessuale di gruppo. L'ex calciatore: «È innocente»

La polizia di Milano ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di un 22enne e un 23enne, entrambi italiani, per una violenza sessuale di gruppo commessa lo scorso marzo 2022 ai danni di una studentessa americana nel capoluogo lombardo. Il 23enne è Mattia Lucarelli, calciatore del Follonica e figlio dell'ex attaccante del Livorno Cristiano Lucarelli

Dani Alves arrestato: il calciatore brasiliano è accusato di violenza sessuale a Barcellona

Cosa è successo

Secondo quanto ricostruito dalla procura di Milano, che ha diretto gli agenti della quarta sezione della squadra mobile, la giovane americana, al termine di una serata trascorsa in discoteca con delle amiche, aveva accettato un passaggio in auto da cinque giovani che, invece di raccompagnarla a casa, l'hanno condotta in un appartamento. In quell'abitazione in centro città, la ragazza sarebbe stata costretta dal gruppo a subire la violenza commessa, in particolare, dai due italiani destinatari del provvedimento di custodia cautelare eseguito con la collaborazione della squadra Mobile della questura di Livorno.

 

Lucarelli: mio figlio è innocente

«Se prima ero convinto che mio figlio fosse innocente dopo avere letto gli atti rafforzo ancora più l'idea». Lo afferma in un video sul suo profilo Instagram Cristiano Lucarelli, ex attaccante del Livorno, in merito all'arresto del figlio Mattia, accusato assieme ad un altro giovane calciatore di violenza sessuale su una studentessa americana. «Inviterei con i commenti a stare calmi - dice ancora - non c'è ancora una sentenza di primo grado e siamo in indagini preliminari». Purtroppo, spiega ancora, «si è buttato sul campo del processo mediatico ed era quello che ci spaventava, perché si tratta di un argomento sensibile».

Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio, 06:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci