Latina, dopo il fegato trovato in mare anche un rene: indagini per capire se siano organi umani

I due organi trovati in mare sulla costa di Latina sono stati recuperati dalla Guardia Costiera e verranno analizzati

Mercoledì 22 Giugno 2022
immagine di repertorio

Due organi in due giorni trovati nelle acque del litorale di Latina. Dopo il fegato scoperto ieri, 21 giugno, da una donna che si trovava sulla spiaggia a Foce Verde, oggi dei bagnanti hanno visto un rene che galleggiava sempre nello stesso specchio d’acqua. Si tratterebbe di due organi umani recuperati dalla Guardia Costiera intervenuta dopo il macabro ritrovamento. Saranno le analisi del medico legale ad accertare l’eventuale natura umana del fegato e del rene. Intanto la Procura ha aperto un fascicolo e i mezzi della Capitaneria di Porto stanno perlustrando l’area per verificare la presenza di altri resti. 

 

Leggi anche > Bochicchio, il test del Dna conferma: è lui l'uomo morto nell'incidente in moto

 

Non è il primo inquietante episodio accaduto a Foce Verde. A gennaio del 2021 sull’arenile furono trovati resti di ossa umane portate a riva dalle mareggiate invernali e ormai in avanzato stato di decomposizione. Nonostante le analisi in quel caso il giallo non fu chiarito: l’ipotesi più accreditata fu che lo scheletro fosse di un uomo senza fissa dimora scomparso da circa un mese da Borgo Sabotino poco distante dal lido di Latina.

Ultimo aggiornamento: 19:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci