Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Falsi green pass ai vip, indagato pure un attore ​del film di Carlo Verdone

Il dottore avrebbe finto di vaccinarlo così come avrebbe fatto con Pippo Franco

Giovedì 19 Maggio 2022 di Valeria Di Corrado
Green pass falsi ai vip, indagato pure un attore

Tra gli indagati per falso dalla Procura di Roma per aver finto di essersi vaccinati contro il Covid, allo scopo di ottenere dal Servizio sanitario nazionale il Green pass, ci sono anche un’avvocatessa, un attore protagonista del film di Carlo Verdone “Benedetta follia” e la titolare di una farmacia di Centocelle. Il tutto grazie alla presunta complicità del medico di base e odontoiatra Alessandro Aveni, accusato di aver organizzato una messa in scena per far ottenere il certificato vaccinale anche a un magistrato in pensione, al comico Pippo Franco e al medico legale Antonio De Luca. I carabinieri del Nas i primi di novembre avevano sequestrato nove green pass “sospetti”.

Viaggi, dove è ancora necessario il Green pass? Dalle Canarie alle Maldive così cambiano le regole per i turisti

L’attacco hacker

I giudici del Tribunale del Riesame di Roma hanno mitigato le misure restrittive nei confronti del dottor Aveni (che prima era agli arresti domiciliari), prescrivendo, tuttavia, un’interdittiva dall’esercizio della professione medica per un anno. Il camice bianco, assistito dall’avvocato Salvatore Volpe, ha ribadito la propria innocenza: sostiene che le sue vaccinazioni erano tutte autentiche e che non aveva registrato quei pazienti al portale della Regione Lazio perché era andato in tilt a seguito dell’attacco hacker avvenuto tra il 31 luglio e il primo agosto. I giudici della Libertà, però, ritengono che «la circostanza non risulta aver influenzato l’inserimento dei dati da parte dell’indagato». 

Furbetti dei tamponi fai da te: positivi, ma non lo dichiarano. Medici: «Antivirali a rischio». E a maggio si teme boom di contagi

Le intercettazioni

A corroborare l’accusa, secondo il Riesame, ci sono le intercettazioni dei Nas dalle quali emerge che il professor De Luca segnalava ad Aveni «nuovi pazienti potenzialmente da vaccinare, con i quali l’indagato dialogava anche telefonicamente, oltre che de visu», come si desume dagli appostamenti dei carabinieri che lo hanno sorpreso con Pippo Franco e la moglie, l’attrice di teatro Piera Bassino. Tra le altre «incongruenze rilevate», c’è il numero dei soggetti vaccinati dal medico, rispetto alle 22 fiale di Pfizer a sua disposizione. Inoltre, i soggetti che avrebbe vaccinato non si trovavano a Roma il giorno della presunta somministrazione, «le telefonate erano allusive e ironiche quanto alla mancanza di effetti collaterali - spiegano i giudici del Riesame - e i presunti vaccinati si preoccupavano oltremodo allorché dovevano partecipare ad eventi collettivi, quali battesimi». 

Ultimo aggiornamento: 20 Maggio, 11:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci