Cameriera e ladra: ruba 75 mila euro nel ristorante di Pesaro dove lavora da 10 anni. Il trucco per ingannare il titolare

Sabato 25 Gennaio 2020
1

Un gioco di prestigio e le bancontote del conto finivano sotto un tovagliolo e, poco dopo, nelle tasche di un'insospettabile cameriera che a casa nascondeva un bottino di 75mila euro. La ladra, 35 anni, di Carpegna, nella zona appenninica alle spalle di Pesaro e Cattolica, è stata arrestata dai carabinieri di Piandimeleto (Pesaro) che si sono finti clienti in un ristorante nell'Urbinate: durante la perquisizione a casa sua i militari hanno trovato 75mila euro che gli investigatori sospettano accumulati in pochi mesi di ruberie.

Il Tribunale di Urbino ha quindi convalidato la misura e ha rimesso il libertà la 35enne con obbligo di firma.

Le indagini erano partite dopo la denuncia del titolare che di recente si era accorto di ammanchi; la cameriera, da 10 anni sua collaboratrice, non rientrava tra i sospettabili, anzi dal 2000 in poi veniva chiamata a lavorare in quasi tutti i finesettimana dal ristoratore che mai avrebbe dubitato della sua onestà.

Invece i militari in borghese hanno osservato i movimenti della donna: nascondeva qualche banconota del denaro ricevuto dai clienti sotto un tovagliolo, poi andava nello spogliatoio e lo riponeva nella sua borsa. La sera dell'arresto aveva 400 euro nella borsa, consegnati spontaneamente dalla 35enne: sostiene che metà dei soldi trovati in casa sarebbero suoi risparmi. Il processo nei confronti della donna è slittato in vista di eventuali richieste di misure alternative alla reclusione e anche alla restituzione del bottino.

Ultimo aggiornamento: 20:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA