Roma, Alessia Sbal travolta e uccisa sul Gra. L'amica su Facebook: «Il tir la stava seguendo»

La mamma: "Mia figlia fuggiva da qualcuno"

Martedì 6 Dicembre 2022 di Veronica Cursi e Alessia Marani
Roma, Alessia Sbal travolta e uccisa sul Gra. L'amica su Facebook: «Il tir la stava seguendo»

«Alessia era seguita da quel camion che l’ha investita o qualcuno la stava spaventando. Sul suo cellulare abbiamo trovato una chiamata di 23 secondi al 112 e cinque minuti prima era al telefono con un’amica a cui stava raccontando i suoi timori». A parlare sono gli amici e i familiari di Alessia Sbal, la 42enne travolta e uccisa domenica sera sul Gra da un autotrasportatore che poi è fuggito via. Solo successivamente l’uomo è stato individuato e fermato dalla polizia stradale. La sua posizione è ora al vaglio della Procura. «Pioveva, non me ne ero accorto, per questo ho tirato avanti», si sarebbe difeso. 

Alessia Sbal, gli appelli

Ma c’è un’ombra nella vicenda. Ieri una delle migliori amiche di Alessia, ha pubblicato un post su un gruppo social molto conosciuto su Facebook chiedendo aiuto per ricostruire la dinamica del drammatico incidente. «La mia migliore amica - si legge - ha perso la vita sul Grande Raccordo Anulare all’altezza di Boccea, erano le 21 circa. Chi l’ha investita non si è fermato e non sappiamo se sia stato un camion che sembrerebbe le stava dando fastidio o un’altra macchina. Se qualcuno ha visto vi prego fatecelo sapere». L’appello è stato rilanciato anche da Tina, la madre di Alessia che interpellata conferma: «Sì è vero, temiamo che mia figlia fosse seguita». Un carrozziere di Monteverde, il quartiere dove Alessia lavorava, ha raccontato di «essere passato sul Gra verso le 21,30 e di avere visto il lenzuolo che ricopriva il corpo non prima o dopo la Panda ferma in corsia d’emergenza, ma di lato al centro della carreggiata», una circostanza anomala. 

 

Altri testimoni avrebbero detto ai primi soccorritori di avere visto la ragazza come vagare o allontanarsi dall’auto, quasi dirigersi incontro alle auto. Poteva essere, dunque, spaventata? Oppure fuggiva da qualcuno? Possibile, invece, che fosse solo molto confusa? Di certo c’è che la Polizia stradale sta verificando nel dettaglio la dinamica, in attesa anche dei risultati tossicologici sul conducente del camion e di ulteriori provvedimenti dell’autorità giudiziaria. Da chiarire anche se la Panda fosse guasta e Alessia si sia fermata per chiedere aiuto. Dopo l’autopsia la Procura riconsegnerà la salma ai familiari. Per la ragazza probabilmente ci saranno funerali laici, con i tanti cagnolini che lei amava e aveva aiutato.

Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre, 10:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci