Coronavirus, Lombardia. Fontana: «Non possiamo fare come la Cina, ma tra 3-4 giorni vedremo effetti della stretta»

Mercoledì 25 Marzo 2020
Attilio Fontana

«Spero che queste giornate rappresentino un'interruzione del trend di aumento dei contagi da Coronavirus: da tre, quattro giorni c'è un aumento più contenuto e spero sia effetto delle prime misure che non erano particolarmente rigorose. Tra altri tre-quattro giorni dovremmo vedere i primi effetti delle misure ancora più rigorose che abbiamo poi preso e che fecero capire a tutti che serviva rigore». È quanto ha dichiarato il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, in diretta su Rai Uno.

Coronavirus, l'anestesista a Bergamo: «In Italia colpite zone più inquinate: colpa dei veleni nell'acqua e nell'aria»
Coronavirus, scioperi confermati oggi in Lombardia e Lazio. Ma l'accordo c'è: alle 12 nuovo incontro governo-sindacati
 

«In Cina nessuno usciva di casa ma noi non riusciamo a replicare quel modello perchè siamo una democrazia da più di 70 anni e non siamo in grado di rinunciare a diritti e valori irrinunciabili: un minimo dobbiamo lasciare e questo minimo è il mezzo con cui il virus, seppur in minor misura, riesce a circolare», ha aggiunto Fontana, secondo cui «per le strade ci sono ancora troppe persone. È un dato di fatto supportato da quello che vedo, non da un'analisi».

 


Coronavirus, che estate sarà? L'epidemiologo: «Avanti così fino a maggio. Addio solite vacanze»
Coronavirus Bergamo, il sindaco Gori: «La sanità in Lombardia mostra tutti i suoi limiti, molti muoiono a casa»
Coronavirus Italia, «già un milione gli infettati». Lo studio che cambia i piani

Ultimo aggiornamento: 17:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci