Toni esagerati e sgradevoli, ma il nostro Parlamento non è mai stato un club inglese

PER APPROFONDIRE: fiducia, governo, lettere al direttore
Egregio Direttore,
dall’ascolto televisivo del giorno 9 settembre e dalla lettura delle interviste giornalistiche pubblicate il 10 settembre (anche) su Il Gazzettino, sono rimasto e rimango esterrefatto per le affermazioni di notevole livore e per le spregevoli minacce, pronunciate dai banchi dell’opposizione alla Camera dei Deputati e dai manifestanti presenti nella piazza antistante Montecitorio. Persone elette dal libero voto dei cittadini, con delega ad applicare scrupolosamente la Carta Costituzionale e con l’obiettivo di realizzare equamente benessere al Paese, dovrebbero svolgere correttamente il loro ruolo istituzionale, anche come esempio per tutti gli italiani. Purtroppo, anche questo avvio di nuovo Governo, al di là delle posizioni di condivisione o meno sulla squadra ministeriale e sui contenuti programmatici, sta conoscendo una pericolosa caduta di stile politico che inevitabilmente fomenta odio e disgregazione sociale. Deputati e Senatori della Repubblica Italiana, prendendo esempio dalla saggezza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, datevi una calmata e impegnatevi a risolvere con serietà e serenità, gli annosi problemi degli italiani, soprattutto quelli dei disoccupati, dei disabili, dei poveri, dei malati e dei non autosufficienti. 

Franco Piacentini
Mestre

Caro lettore,
nemmeno a me piacciano le gazzarre parlamentari e i toni esasperati nel dibattito politico. Ma i comportamenti che la scandalizzano sono i figli naturali del clima politico infuocato di queste settimane. Abbiamo vissuto una crisi di governo balneare e un repentino cambio di maggioranza, che non hanno precedenti nella storia. Qualcuno poteva forse pensare che il dibattito alla Camera e al Senato per la fiducia al Conte Due si potesse caratterizzare per toni di un club inglese? Qualcuno poteva credere che dopo i cartelli e i cori anti-Salvini (non meno beceri di quelli ascoltati in questi giorni) in occasione delle dimissioni del primo governo Conte Uno, non ci sarebbe stato reazioni uguali e contrarie da parte del centro-destra? Tantopiù in un Parlamento, come quello italiano, che non ha mai brillato per stile e compostezza. Nella sua storia, sin dall’assemblea Costituente, si contano decine di risse e di scontri non solo verbali. Ci sono stati deputati che hanno dato l’assalto ai banchi del governo e altri che hanno preso a pugni dei loro colleghi. In più di un caso a scatenare queste risse sono stati motivi quantomeno bizzarri. Basta ricordare la baruffa dell’aprile 1998, quando alla Camera dei deputati volarono insulti di ogni genere per una partita di calcio, Juve-Inter, in cui i tifosi neroazzurri contestavano una decisione arbitrale. Almeno oggi c’è in gioco un governo, non un rigore.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Settembre 2019, 13:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Toni esagerati e sgradevoli, ma il nostro Parlamento non è mai stato un club inglese
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-09-12 18:28:02
Ovviamente una laurea e studi e varie abilita' compresa quella di ridicolizzare ed umiliare l'avversario inferiore o bullo senza offenderlo sono una marcia in piu'.
2019-09-12 11:21:02
Chi si vuol dare alla politica,invece di lauree e scuole di specializzazione, master, corsi di lingue..in Italy deve allenarsi a :usare gli escamotage retorici al fine di diffondere falsita'o illusioni come fossero VERE.Poi a smanettare con i mezzi mediatici , poi deve iscriversi ad appositi allenamenti in scuole di partito in cui deve sopportare insulti, pettegolezzi, uova marce e pomodori, esposizioni alla gogna ., triathlon, biathlon , sestogrado...emissione di fischi con ledita ecc.
2019-09-11 20:37:51
Penso sia giusto e doveroso sottolineare, e soprattutto non dimenticare mai, ripeto mai, che la crisi del Governo Conte 1, Lega-M5S, l’ha provocata la Lega. I motivi? A sentire il nostro Presidente del Consiglio, l’Avv Giuseppe Conte, pare che l’On. Matteo Salvini, Segretario, Portavoce della Lega, ricordiamolo sempre, abbia voluto monetizzare, cioè sfruttare il momento favorevole del consenso popolare. Alla Lega, come abbiamo visto è andata male. Fortunatamente per tutti gli italiani, secondo me, per i seguenti motivi: 1- i Contribuenti hanno risparmiato 400 milioni di Euro, tanto sarebbe costato il ricorso a nuove elezioni anticipate, 2-l’aumento dell’Iva al 25%, un salasso pesante per tante persone e famiglie meno abbienti, 3-il rischio di avere, a seguito delle parole allarmanti pronunciate in un incontro pubblico a Pescara da un Leader politico: “voglio i pieni poteri”, un Governo autoritario. Tutto questo grazie alla buona volontà e al senso di responsabilità di Pd, LeU e M5S che hanno formato un nuovo Governo presieduto dal serio, qualificato e affidabile Avv, Giuseppe Conte.
2019-09-11 17:22:24
Sig. PIacentini,mi sembra di decelare un po' d'ironia nella sua lettera e,alla fine,leggo un messaggio di solidarieta';realizzare equamente benessere al Paese e' bene,ma tutti dovrebbero participarci e non sempre il solito Pantalone.-Sig. Direttore,l'Italia,senza esserci veramente abituata,non e' nuova ai cambiamenti ''repentini''.
2019-09-11 17:01:29
"l'analisi dello scrivente è superficiale e intrisa d'ideologia religiosa ( cattolica ) ma la religione non è politica" (Ary Febo) Finalmente un punto a favore della religione (cattolica): un po di buona educazione!