Paura in ospedale: nigeriana strappa la pistola a una agente e tenta di sparare

PER APPROFONDIRE: nigeriana, ospedale, pistola, treviso
Paura in ospedale: nigeriana strappa  pistola all'agente e tenta di sparare
TREVISO - Momenti di paura questa mattina in ospedale a Treviso dove una donna nigeriana ha strappato la pistola a una agente e ha tentato di esplodere un colpo. Ne è nata una colluttazione e alla fine la donna, una 31enne, è stata arrestata.

La donna era stata fermata all'aeroporto Canova, aveva un certo numero di ovuli di droga in corpo. La 31enne è stata quindi portata in ospedale per evacuarli, una volta in reparto ha chiesto di poter andare in bagno: è entrata, accompagnata da una agente della Finanza che doveva sorvegliarla. Questione di pochi istanti, la nigeriana è riuscita a strappare la pistola all'agente e ha provato ad esplodere un colpo, fortunatamente la pistola aveva la sicura. Ne è nata una colluttazione, gli agenti sono riusciti a immobilizzare la 31enne, mentre sul posto è arrivata anche la polizia che l'ha arrestata e poi tradotta nel carcere femminile della Giudecca (Venezia).

REGIONE - «La mia solidarietà alle Forze dell’Ordine e i complimenti per la capacità di risolvere una situazione complessa - commenta  il presidente del Consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti - la donna era un corriere della droga e non avrebbe esitato a sparare contro i poliziotti ai quali aveva strappato una pistola. Purtroppo per troppi anni il lassismo, il non aver fatto scontare pene certe e giustamente severe, hanno radicato nella mente di troppi delinquenti che il nostro sia il paese di Bengodi e della massima impunità. Fortunatamente si è cambiato rotta e non ci sono tentennamenti, falsi buonismi nè complicità colpevoli. Proprio l’episodio trevigiano però dimostra che i danni del passato saranno difficili da superare e curare: di certo dobbiamo spiegare a tutti che la festa è finita».

IL COMMENTO DI SALVINI: TOLLERANZA ZERO
Sul caso di Treviso si è espresso il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini che ha invocato la "tolleranza zero" per chi commette questo tipo di reati. Nel 2016 - informa ancora Salvini - la nigeriana aveva ricevuto il diniego della protezione internazionale.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 30 Aprile 2019, 12:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Paura in ospedale: nigeriana strappa la pistola a una agente e tenta di sparare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 133 commenti presenti
2019-05-01 14:38:24
... agente.. ma dove e quando.. qui non si agisce. si dorme. l'annichilimento sociale attuale è anche colpa di chi fa l'agente senza agire o....
2019-05-01 12:45:11
La pistola con la sicura...mi fa venir in mente i dubbi sul suicidio di Sissy,la poliziotta penitenziaria del carcere della Giudecca. Infatti oltre al fatto che l'eventuale assassino avrebbe dovuto sfilare la pistola dalla cintura ad una guardia abituata a maneggiare le armi, c'era anche il fatto che la pistola della agente aveva la sicura.
2019-05-01 12:32:12
Nn si capisce nulla
2019-05-01 12:09:51
E' proprio vero che QUI vengono a fare i lavori che gli Italiani non vogliono piu' fare??Ovvero rimpinzarsi di ovuli e pure di involucri di plastica infarcita di cocaina nelle cavita' naturali?Mancano statistiche sul rifiuto degl italiani ed annunci offerta di tal tipo di lavoro.
2019-05-01 11:54:51
Nel corso del turno di guardia notturno, un "controllore" graduato si avvicno' furtivamente per sottrarre l'arma alla sentinella.Ricevette come"ombra" un colpo di calcio di fucile e si squaglio' .Poi la mattina successiva presento', lamentandosi per livido violaceo una spalla, denuncia per insubordinazione ed aggressione al militare presso il comandante, che prima interrogo' e poi rifilo' al soldato(mio parente stretto) ben 5 giorni di...licenza premio.