Tumore all'utero, Moretti: «Crollo di vaccinazioni colpa della Regione»

Alessandra Moretti
«La prevenzione è fondamentale e si fa vaccinandosi. Purtroppo la propaganda No-vax è stata affrontata con superficialità dalla Regione, che in più di un’occasione ha addirittura fatto da sponda a pericolosi ciarlatani e ai loro seguaci. Adesso raccogliamo i frutti di quella semina. L’allarme della Ulss 2 sul crollo delle vaccinazioni per il papilloma virus va preso molto seriamente”. Alessandra Moretti, consigliera regionale veneta del Partito Democratico, commenta preoccupata i dati forniti dall’Azienda sociosanitaria della Marca Trevigiana, che mostrano un calo nella copertura di ben 17 punti in pochi anni, dal 76 al 59%».

«È l’unica forma di prevenzione contro il tumore al collo dell’utero, trovo incredibile che le madri facciano le mammografie e poi non vaccinino le proprie figlie - osserva Moretti - Occorrono campagne informative a tappeto, far conoscere i rischi che si corrono. Sui vaccini però la Regione ha sempre mantenuto una linea colpevolmente ambigua, combattendo il Decreto Lorenzin e rivendicando la bontà della scelta veneta della non obbligatorietà per i bambini. Una scelta che ha provocato una drastica diminuzione, con i tassi di copertura che in alcune zone del Veneto sono scesi ben al di sotto della soglia di sicurezza. L’obbligo va mantenuto e rafforzato, portando contemporaneamente avanti una battaglia culturale, affinché si capisca anche l’importanza di vaccinazioni non obbligatorie come quella contro il papilloma virus», conclude Moretti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 8 Febbraio 2019, 16:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tumore all'utero, Moretti: «Crollo di vaccinazioni colpa della Regione»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 37 commenti presenti
2019-02-09 09:28:18
Signori, mettetevela via, i no-vax non vaccineranno mai i figli, qualsiasi sia la conseguenza, diranno che i vaccini sarebbero stati peggio. Rimangono in piedi sempre le solite due possibilità: trattamento sanitario obbligatorio (ovvero strappare i figli ai non vax e punturarli a forza) oppure ritiro/ammorbidimento dell'obbligo vaccinale. Alternative non ne vedo.
2019-02-09 11:41:18
Perche' si dovrebbe eliminare l'obbligo ? Casomai se uno NON vaccina i figli se ne assume tutti gli oneri, in termini di responsabilita' verso la collettivita'
2019-02-09 12:41:17
O elimini l'obbligo o fai una sorta di TSO vaccinale. Se poi, puoi non vaccinare i figli, vuol dire che hai ritirato l'obbligo, o no?
2019-02-09 08:57:41
Cambia mestiere, non l'hai ancora capito, ma in fondo c'è da dargli ragione, ogni tanto esce con una sparata e intanto poltrona e stipendio/vitalizio e assicurato.
2019-02-09 06:16:04
Dopo tante campagne antitabacco, anti alcool, antidroga, pro educazione sanitaria e sessuale..i giovani sgarrano come epiu'di prima , gli immigrati regolari non ne sanno nulla ..mai raggiunti da informazioni ed educazione.Solo un piccolo aspetto marginale : abbondano cani per regalo senza pile, ma chissa'se vengono registrati e vaccinati...figurarsi il resto.