«Salvini ragazzino». Bufera al Csm sul magistrato Cascini. Poi le scuse: «Mi sono espresso male»

PER APPROFONDIRE: armando spataro, csm, matteo salvini
«Salvini ragazzino». Bufera al Csm sul magistrato Cascini. Poi le scuse: «Mi sono espresso male»
«Salvini non è più un ragazzino e deve avere un atteggiamento consono al ruolo». Bufera sulle parole pronunciate dal magistrato Giuseppe Cascini, capogruppo di Area al Csm, durante il plenum di Palazzo dei marescialli.

Parlando dello scontro tra il ministro dell'Interno e il procuratore Spataro andato in scena ieri, il magistrato ha detto: «Non possiamo trascinare questo Paese e le sue istituzioni nel mondo dei social. Non siamo ragazzini e se un ragazzino assume incarichi istituzionali bisogna fargli capire che non è più un ragazzino e che deve avere un atteggiamento consono al ruolo», dice Cascini che poi tuttavia precisa: «Non ho chiamato ragazzino il ministro dell'Interno. Se è sembrato così significa che mi sono espresso male e chiedo scusa».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 5 Dicembre 2018, 12:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Salvini ragazzino». Bufera al Csm sul magistrato Cascini. Poi le scuse: «Mi sono espresso male»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-12-05 13:20:13
Uno del CSM si esprime male? E' come se un anestesista sbagliasse l'unita' di misura nella preparazione della anestesia. Sara' il caso di controllare se la posizione che ricopre e' adatta.
2018-12-05 15:50:39
Politicamente..., più sputate addosso a Salvini più cresce in popolarità, ancora non avete capito che nell'aria aleggia un pensiero che accomuna perlomeno maggioranza degli italiani almeno quelli che hanno una maturità e che si domandano: che sia veramente cominciata la fine di questo becero buonismo cattocomunista?
2018-12-05 16:08:57
Come non si possono commentare le sentenze..., ma devono essere accettate, mio avviso sarebbe opportuno visto l'incarico di un componente del CSM di astenersi a giudizi personali visto la carica che occupa. E siccome la democrazia parola che viene manipolata secondo il proprio tornaconto esiste chiamiamola diversamente, perchè essa tale non è.
2018-12-05 18:22:06
... coltiva il bambino che c'è in te e non sarai " giudice " altrui.. da un po di tempo questi togati ( nel senso che portano la toga ) sembrano imitare i talati ( quelli dell'abito talare ) in una strana santa alleanza tesa più a far politica dall'alto dei loro piedistalli che perseguire peccati e ingiustizie.. e questo non ha nulla a che fare con la libertà d'opinione o di culto..
2018-12-05 20:03:37
Avere tanta popolarità non fa di te un grande statista o un grande ministro fa di te solo un gran imbonitore e chiacchierone