Fitch conferma rating sull'Italia, ma prospettive negative

PER APPROFONDIRE: fitch, italia, rating
Fitch conferma rating sull'Italia  Ma prospettive «negative»
L'agenzia di valutazione dell'affidabilità di credito americana Fitch ha confermato il rating "BBB" dell'Italia ma ha rivisto al ribasso le prospettive da "stabili" a "negative".

All'origine della decisione la formazione del nuovo governo gialloverde, che secondo l'agenzia potrebbe portare a un livello di allentamento di bilancio che lascerebbe il debito pubblico più esposto a shock potenziali. Il rapporto deficit/pil è stimato all'1,8% nel 2018, più alto di 0,2 punti rispetto alle previsioni del Governo, per effetto dei maggiori interessi sui titoli di Stato, spiega Fitch in una nota.

Il debito pubblico dell'Italia rimarrà «molto elevato», lasciando il paese «più esposto a potenziali shock», afferma ancora l'agenzia di rating, in una nota in cui sottolinea fra le criticità la «natura nuova e non collaudata del governo, le considerevoli differenze politiche fra i partner della coalizione e le contraddizioni fra gli elevati costi dell'attuazione degli impegni presi nel Contratto e l'obiettivo di ridurre il debito pubblico. Non è chiaro come queste tensioni politiche saranno risolte».

«L'avversione di alcune parti del governo» dell'Italia «nei confronti dell'Ue e dell'euro rappresentano un ulteriore rischio» per l'Italia. Nonostante questo «riteniamo bassa la probabilità che il governo avanzi politiche che minaccino un'uscita» dall'Europa o la «creazione di una moneta parallela», sottolinea ancora Fitch.

«Non ci aspettiamo che il governo» dell'Italia «duri l'intero mandato, e vediamo un aumento della possibilità di elezioni anticipate dal 2019», è ancora l'opinione dell'agenzia. Che sottolinea come «il rischio di elezioni anticipate renderà più difficile per i partiti fare compromessi che alienino le loro basi politiche».

«L'agenzia Fitch lascia invariato il suo rating sul debito italiano. Riteniamo questa valutazione ampiamente giustificata alla luce delle attuali condizioni della nostra economia. Ovviamente c'è attesa che venga definito il Documento di economia e finanza del governo e che gli impegni di bilancio per il prossimo anno siano rispettati e le riforme strutturali già annunciate siano attuate». È quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi a commento della valutazione di Fitch.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 31 Agosto 2018, 22:07






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fitch conferma rating sull'Italia, ma prospettive negative
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2018-09-01 16:09:53
Ma io non ho parlato di riduzione dei soli parlamentari, perchè sarebbe una goccia nel mare degli sprechi. Spiace dirlo ma è la realtà: la lega sa di dover accontentare un elettorato arretrato ed ignorantello, quindi avanti con la difesa del contante, con la fiaba della strega Fornero, ecc., ecc. Ovviamente si sa, ma è sempre stato così, del grande potere delle lobbies, (mondo industriale, magistratura, ecc. ecc.), è chiaro che questo come tutti i governi faccia l'occhiolino ai grandi evasori. Noi in Italia con Berlusconi abbiamo perso un mare di tempo, non a caso stanno letteralmente franando le infrastrutture che non sono state manutenute e rinnovate. Ma questa è la realtà e con questa realtà dobbiamo fare i conti, un pò più di conoscenza, cultura e civiltà in più non guasterebbe, ma purtroppo abbiamo a che fare con un elettorato che si guarda "Uomini e donne".
2018-09-01 02:04:03
Speriamo, ma temo non sarà così, che si smetta di fare discorsi da propaganda elettorale, almeno per quanto riguarda la lega, (sul M5S non nutro nessuna speranza in questo senso), e si comincino a pianificare delle misure veramente incisive per il bene della nazione.
2018-09-01 13:07:48
Premesso che non penso di essere adatta a fare il ministro dell'economia, qualche opinione me la sono fatta anch'io e posso anche esporle: ABBATTIMENTO DEL DEBITO PUBBLICO tramite: lotta reale alle frodi fiscali (deve risultare sempre conveniente emettere e richiedere ricevuta fiscale e qui bisogna studiare alla grande agevolazioni e controlli). 2) Trovo interessante la proposta di detassare alcune regioni meridionali per invogliare i pensionati italiani a stabilirsi in queste regioni invece di scappare, per es.; in Portogallo. 3)Lotta alla disoccupazione giovanile: creazione di autentiche scuole professionali dove non si fa finta, ma s'impara veramente un mestiere artigianale. Perchè sono questi lavori che finora hanno tenuto a galla l'Italia, ma purtroppo stanno scomparendo. 4)Riduzione drastica del numero di parlamentari alla Camera e al Senato, riduzione drastica del numero di ministeri e di ministeriali, nonchè quello degli enti regionali, degli enti locali e del numero di quanti lavorano in Camera e Senato,(uscieri,barbieri, ecc. ecc.) Potrei continuare ancora, ma non voglio tediare nessuno. Ovviamente sono contraria al finanziamento pubblico dei partiti che ingenera clientelismo e tassazione obbligatoria come per tutti gli altri degli enti religiosi.
2018-09-01 11:48:40
Mi consta che i giapponesi siano i detentori della quasi totalità del proprio debito, al contrario di noi.
2018-09-01 16:45:21
Mi dispiace smentire, ma purtroppo questo governo non facendo o lanciando proclami poco realistici ha già fatto danni.