«Covid, la vitamina D riduce le morti per il virus del 60%». Nuove speranze dallo studio spagnolo

Domenica 14 Febbraio 2021
«Covid, la vitamina D riduce le morti per il virus del 60%». Nuove speranze dallo studio spagnolo

Secondo uno studio, la vitamina D riduce le morti per Covid-19 del 60%. Il deputato David Davis ha infatti chiesto che la terapia venga immediatamente introdotta negli ospedali per «salvare molte migliaia di vite». Lo studio ha valutato l'efficacia del calcifediol - una vitamina D3 - su più di 550 persone ricoverate nei reparti Covid-19 dell'Hospital del Mar a Barcellona, ​​in Spagna. I soggetti sono stati assegnati in modo casuale o come destinatari del trattamento con calcifediolo o come controlli al momento del ricovero, prima di ricevere cinque dosi di vitamina a intervalli crescenti di due, quattro, otto e 15 giorni.

La ricerca, pubblicata dal Social Science Research Network, ha rilevato che i pazienti con Covid-19 trattati con dosi di vitamina D avevano l'80% in meno di probabilità di richiedere un trattamento in terapia intensiva. Dall'Università di Barcellona hanno anche concluso che «i risultati hanno mostrato una mortalità ridotta di oltre il 60%» per coloro che hanno ricevuto il trattamento con calcifediolo.

Covid, rischio dimezzato per bambini e adolescenti (under 20): lo studio su contagi e trasmissione

L'ex segretario per la Brexit David Davis ha salutato i risultati come «molto importanti. I risultati di questo studio ampio e ben condotto dovrebbero portare a questa terapia somministrata a tutti i pazienti Covid in ogni ospedale. Il governo del Regno Unito dovrebbe aumentare la dose e la disponibilità di vitamina D a tutti i gruppi vulnerabili». 

«Questi approcci salveranno molte migliaia di vite. Sono in ritardo e dovrebbero essere avviati immediatamente», ha aggiunto Davis. La ricerca, ancora preliminare, ha rilevato che 36 dei 551 pazienti trattati con calcifediol sono morti per Covid-19 rispetto ai 57 pazienti su 379 nel gruppo di controllo. Altrove, i ricercatori hanno scoperto che solo il 5 per cento del gruppo calcifediolo è stato ricoverato in terapia intensiva.

Covid, la doppia mascherina «ferma il contagio del 96%». Ricerca Usa: così aumenta il filtraggio

Covid, con le varianti cambiano i sintomi: dal mal di testa ai brividi, le 4 spie del contagio

 

 

Ultimo aggiornamento: 21:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA