Ucraina, spazzata via la 200a Brigata artica motorizzata: restano pochi uomini dei 700 fucilieri professionisti

L'unità militare speciale di Mosca ha subito molte perdite durante il conflitto

Sabato 17 Dicembre 2022 di Michela Allegri
Ucraina, spazzata via la 200a Brigata artica motorizzata: restano pochi uomini dei 700 fucilieri professionisti

La brigata artica russa dei corpi d'élite è stata spazzata via dalla guerra in Ucraina: ha subito così tante perdite che i tempi per ricostituirla saranno lunghissimi. Lo ha riferito il Washington Post. L'unità d'élite delle forze di Mosca, la 200a Brigata artica fucilieri motorizzata, di stanza nella Russia nordoccidentale vicino al confine con la Finlandia, era una di quelle con più esperienza, attrezzature moderne e addestramento di alto livello. Nonostante questo, la brigata, che contava su almeno 700 soldati professionisti, è stata decimata durante gli scontri.

Poco dopo l'invasione russa dell'Ucraina, l'unità militare è stata vittima di attacchi e imboscate che hanno causato la morte di diversi soldati e l'abbandono di armi e attrezzature. Le settimane successive sono passate difendendo le posizioni  nella regione di Kharkiv e respingendo gli attacchi ucraini. Alla fine di maggio, spiega il Washington Post, che ha riportato un rapporto militare riservato, centinaia di soldati erano risultati morti o dispersi.

Il colpo finale è stato la  controffensiva dell'Ucraina nella regione nord-orientale di Kharkiv. Uno dei soldati del battaglione ha rivelato che l'unità è in uno stato di degrado e che i militari hanno esaurito le dotazioni moderne e sono stati costretti a usare elmetti del 1941 e giubbotti senza protezioni.

«Non è rimasto nulla di quella brigata - ha detto a The Post il colonnello Pavlo Fedosenko, comandante della 92esima brigata meccanizzata ucraina, in una recente intervista - È stata completamente spazzata via». Un alto funzionario dell'intelligence europea ha detto al giornale che «ci vorranno anni per ricostruire la 200esima», perché ha perso troppi soldati e ufficiali.

 

Non si tratta dell'unico gruppo di soldati russi di alto profilo ad aver avuto problemi a causa della guerra che si trascina. I paracadutisti della forza d'élite del paese, nota come VDV, hanno subito perdite pesanti durante le prime settimane di combattimenti. Mentre la compagnia di ricognizione della terza brigata delle forze speciali (chiamate Spetsnaz) è stata decimata durante la battaglia per conquistare Lyman. Il numero esatto di soldati russi morti durante i combattimenti in Ucraina non è chiaro: il Cremlino non fornisce queste informazioni. All'inizio della settimana, il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace ha affermato: «Stimiamo che oltre 100.000 russi siano morti, sia stati feriti, o abbiano disertato».

Video

Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre, 09:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci