​Si uccide a 19 anni sopravvissuta alla strage di Parkland: «In colpa per essere viva»

PER APPROFONDIRE: florida, parkland, sparatoria, usa
​Si uccide a 19 anni sopravvissuta alla strage di Parkland: «In colpa per essere ancora viva»
Tragedia in Florida, negli Stati Uniti. Una ragazza di 19 anne, Sydney Aiello, si è suicidata dopo che era scampata l'anno scorso alla strage nel liceo di Parkland. I genitori, che hanno celebrato il funerale, hanno dichiarato al Miami Herald che la figlia si è tolta la vita per il «senso di colpa di essere sopravvissuta». Fra le 17 vittime della sparatoria del 14 febbraio dell'anno scorso c'era anche la migliore amica di Sydney, Meadow Pollack.

Usa, licenziato ex dipendente spara ai colleghi in fabbrica: 5 morti e 10 feriti, colpiti anche 5 poliziotti. Ucciso lo sparatore

«È terribile quanto è accaduto. Meadow e Sydney sono state amiche per tanti anni», ha commentato il padre di Meadow, Andrew Pollock, esortando altri ragazzi sopravvissuti che non riescono a gestire il dolore ad entrare in contatto con lui. «Uccidersi non è la risposta giusta», ha aggiunto. La sparatoria alla Marjory Stoneman Douglas High School ha provocato la nascita di un movimento di studenti in tutti gli Stati Uniti per chiedere un maggior controllo sulla vendita delle armi. Fra i protagonisti di questa battaglia vi sono diversi sopravvissuti alla strage.
 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 22 Marzo 2019, 20:48






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
​Si uccide a 19 anni sopravvissuta alla strage di Parkland: «In colpa per essere viva»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-03-22 22:08:24
Gli USA delle armi libere che tanto piacciono ai legaioli alla Charles Bronson nostrani.....ciao enrico ciao
2019-03-23 17:36:49
In italia ''autorizzati'' a sparare sono solo i delinquenti, alle vittine e' severamente vietato difendere la propria vita e quella dei propri cari, la propria casa e le proprie attivita' economiche. Per me e' meglio l'America dove il reo va, in genere, dritto in galera e chi ''sgarra'' per tre volte si prende l'ergastolo, mentre in questo nostro strano paese vanno molto di moda il rilascio immediato, gli arresti domiciliari e una successione di sconti di pena, in modo che i delinquenti possano tornare al piu' presto al loro lavoro (per pagarci la pensione, dicono alcuni, ma io non ci credo affatto).
2019-03-23 19:07:22
Aggiungo, caro Pinopin, almeno quella volta in cui siamo d'accordo, che è già tanto che non mettano dentro i 51 ragazzini e liberano l'italo-senegalese. Le dichiarazioni di certe personalità politiche di sinistra sono allucinanti... Boldrini, Saviano ecc... Ahhh, dimenticavo, l'ex segretario Pd Martina si è recato in prigione a trovare quel tizio... Buon fine settimana.
2019-03-23 22:06:51
Caro Fiocchi, sono lieto che su certi problemi le nostre idee concordino. Non sono riuscito a trovare nessuna notizia relativa alla visita fatta dall'ex segretario Pd Martina in prigione a . . . , continuero' la ricerca domani, sono molto curioso di conoscere le ''motivazioni del gesto''. Buona domenica
2019-03-24 13:23:02
La troverà solo in certi canali di comunicazione...piu o meno come le notizie di Nicolò e Riccardo, uno il primo a telefonare, il secondo che si era offerto come ostaggio al posto dei suoi compagni....ma per la grande stampa c'erano solo Ramy e Adam....e a lei, caro amico Pinopin, non serve aggiungere altro....saluti