Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin, l'ex uomo più ricco della Russia: «Ha intrapreso una strada che lo porterà alla sua fine»

Mikhail Khodorkovsky: «Se l'Occidente fallisse in Ucraina, dovrebbe affrontare questa guerra in altri territori. E il primo passo di Mosca sarebbe la Lituania»

Giovedì 23 Giugno 2022
Putin, l'ex uomo più ricco della Russia: «Ha intrapreso una strada che lo porterà alla sua fine»
1

Mikhail Khodorkovsky ha le idee chiarissime quando parla di Vladimir Putin. Un tempo uomo più ricco della Russia, da anni ne è diventato uno dei maggiori dissidenti. Il decennio in carcere lo ha reso uno dei simboli della resistenza allo zar e oggi vive a Londra (dal 2015). «Se non riusciamo a far fronte a questa piaga in Ucraina, dovremo affrontarla in altri territori - ha detto in un'intervista al Financial Times -. Il prossimo passo del Cremlino sarà il blocco aereo della Lituania. Permetterà all'aviazione russa di volare direttamente tra la Russia e Kaliningrad».

A quel punto, spiega Khodorkovsky, la Nato dovrà chiedersi come comportarsi. «Di sicuro, Putin alla fine perderà. Se vince ora in Ucraina, inizierà una guerra con la Nato. E alla fine perderà quella guerra. Se non fosse stato per così tante vittime, avrei detto che in realtà sono abbastanza felice, perché ha intrapreso una strada che lo porterà alla sua fine. Ma questa vittoria specifica in Ucraina dipende interamente dall'Occidente. Se l'Occidente fallisse ora, potrebbe dover affrontare una frontiera molto lunga e calda in Europa, lunga 2.500 km».

Putin, la guerra con la Nato è possibile? La vittoria in Ucraina e i «problemi interni»: ecco perché lo zar ci sta pensando

Gli oligarchi russi

Il tema poi diventano gli oligarchi russi. «Abramovich e altri che voi chiamate oligarchi in occidente, li vedo come agenti di Putin. Potrebbero non avere alcuna influenza su Putin, ma hanno molte leve nelle loro mani per influenzare l'opinione pubblica e la politica in Occidente. Questo è il motivo per cui Putin ha interesse per loro come strumento di influenza. Abramovich? Penso che Putin gli abbia dato il via libera per partecipare ai colloqui, in modo che Abramovich potesse proteggersi dalle sanzioni». 

 

 

Ultimo aggiornamento: 24 Giugno, 13:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci