Brexit, ecco l'accordo: dal confine irlandese ai visti

PER APPROFONDIRE: accordo, brexit, gran bretagna, ue
Brexit, ecco l'accordo: dal confine irlandese ai visti
Dopo giornate di faticosa trattativa con il tormentato sì strappato da Theresa May ai ministri del suo governo - e già rimesso in discussione - la bozza d'intesa per un divorzio concordato della Gran Bretagna dall'Unione europea c'è. Ci sono voluti due anni di negoziati e non è dettoceh basteranno. Lo sbarco è infatti ancora tutto da portare a termine sotto il fuoco nemico ingaggiato da tutti i lati del fronte interno britannico, a cominciare dalle trame per una mozione di sfiducia contro la leadership della premier agitate stanotte dai falchi Tory ultrà. May rivendica comunque l'intesa come la scelta migliore e l'unica alternativa allo spettro del 'no deal', nessun accordo.

Ecco cosa prevede l'intesa. Un'architettura con tre opzioni: è l'edificio costruito dai negoziatori di Londra e Bruxelles per risolvere il nodo delle frontiere irlandesi, il punto che ha tenuto in scacco la trattativa sulla Brexit per mesi, con il backstop, il meccanismo di garanzia dello status quo (preteso dall'Ue e avversato da Londra) ora ben camuffato nelle maglie del testo. Un'operazione che lo rende meno evidente agli occhi degli ultrà 'brexiteers', i quali per settimane hanno spinto per un ammutinamento dei ministri del gabinetto May. Per addolcire la pillola, la Commissione europea ha di recente proposto la modifica del regolamento sui visti prevedendo l'esenzione dall'obbligo, per i cittadini britannici, per permanenze brevi nell'Unione - fino a 90 giorni, in un periodo di sei mesi - a patto che il Regno Unito faccia altrettanto.

La prima opzione dell'intesa sul tavolo relativa ai confini dell'Irlanda prevede che la soluzione sia contenuta nell'accordo sulle relazioni future tra Unione e Gran Bretagna. Si eviterà così il ripristino di barriere fisiche e controlli alle frontiere irlandesi. Ma se il periodo di transizione - attualmente previsto in 21 mesi, dal 29 marzo 2019 al dicembre 2020 - non dovesse essere sufficiente per raggiungere un'intesa sulla partnership futura tra i 27 e il Regno Unito, i negoziatori potranno ottenere tempo supplementare per trattare.

Nel caso in cui le opzioni precedenti non dovessero essere sufficienti, allora entrerà in vigore il backstop. Ma per
evitare il sorgere di barriere fisiche e controlli - questa volta tra Gran Bretagna e Irlanda del Nord - è stata prevista una forma 'ad hoc' di permanenza del Regno Unito nell'unione doganale, fino a quando sarà trovata una soluzione per le frontiere irlandesi. In questo periodo Londra potrà comunque negoziare e stringere accordi commerciali con i Paesi terzi, ma sarà tenuta a seguire la politica dei dazi dell'Ue, così come dovrà essere allineata alle regole in materia di concorrenza e aiuti di stato. A dare il via libera sul ritiro della Gran Bretagna dall'unione doganale sarà un comitato arbitrale, al quale partecipano anche Paesi terzi, in veste di garanti neutrali. Proprio quest'ultimo aspetto, secondo indiscrezioni, sarebbe stato tra i punti che ha portato alla quadratura del cerchio. 

Potrebbe essere infine il 25 novembre il giorno da cerchiare in rosso per la certificazione politica del patto di divorzio consensuale tra Unione europea e Regno Unito. La data del summit Ue straordinario è stata evocata dal premier irlandese Leo Varadkar durante il suo discorso in Parlamento a Dublino, ed è un appuntamento cruciale.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 15 Novembre 2018, 16:41






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Brexit, ecco l'accordo: dal confine irlandese ai visti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-11-16 05:32:32
Beati loro! Sono scappati ai Nazi e adesso agli Euroburocrati...
2018-11-16 01:45:53
Questo gioco andrà avanti sine die, prepariamoci agli altri tiri di dadi…tre caselle avanti, due indietro, poi alla fine di nuovo alla casella di partenza… Ci si diverte così nel tempo libero…
2018-11-15 19:28:36
In realta' per il Regno Unito diventa un problema interno. Se controllano il confine tra l'Ulster e il resto d'Irlanda, potrebbe rinvigorirsi l'irredentismo irlandese. Se controllano il confine marittimo tra Gran Bretagna e Ulster, il partito unionista, che attualmente sostiene il governo, lo fa cadere. Se non controllano nessuna frontiera irlandese, rinunciano per lo meno in quel contesto geografico a una delle motivazioni principali della Brexit...
2018-11-15 18:24:59
da giugno a oggi teresa may ha perso 5 dei suoi ministri, tre solo nel mese di novembre, per protesta contro la sua politica brexit...