Brasile, il suo cane sta per annegare, la first lady si tuffa per salvarlo

PER APPROFONDIRE: brasile, marcela temer, michel temer
Il suo cane sta per annegare, la first lady brasiliana si tuffa per salvarlo
Il suo cane stava annegando e l'agente di scorta si è rifiutato di andare a salvarlo. Così Marcela Temer, moglie del presidente del Brasile, Michel Temer, non ci ha pensato due volte e si è tuffata completamente vestita in acqua per aiutare il cane. Il fatto risale al 22 aprile. Secondo quanto hanno rivelato i funzionari presidenziali, la First Lady passeggiava nei giardini del Palacio de la Alvorada, la residenza ufficiale del presidente brasiliano, in compagnia di suo figlio Michelzinho e di Picoly, il Jack Russel che fa parte della famiglia dal 2016 insieme a Thor, un golden retriever. 

Attirato dalle anatre, ad un certo punto il cagnolino è entrato in acqua ma, arrivato in mezzo al laghetto della residenza, non è riuscito a tornare indietro. Marcela ha quindi chiesto a un agente del Gabinete de Segurança Institucional, responsabile della sua sicurezza, di andare ad aiutarlo, ma quest'ultimo si è rifiutato. Ha quindi dovuto fare tutto da sola. L'agente, di cui non è stata resa nota l'identità, è stata rimossa dalle sue funzioni per aver «messo a rischio l'integrità fisica della First Lady» e trasferita in un altro ufficio del Gabinetto di sicurezza.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 8 Maggio 2018, 12:18






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Brasile, il suo cane sta per annegare, la first lady si tuffa per salvarlo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-05-08 20:31:24
Nessun cane al mondo annega in un laghetto! La storia come viene raccontata non sta proprio in piedi, a mio parere.
2018-05-08 16:12:07
L'agente della sicurezza non penso proprio che si sia comportato cosi'. Evidentemente c'e' qualcos'altro che non ci viene detto. Se invece fosse vero, quel tizio non e' un agente della sicurezza, ma semplicemente un cretino.
2018-05-08 15:21:20
Magari l'agente in questione è stato addestrato e per rimanere sempre vicino alla persona da proteggere e a non lasciarla mai sola qualsiasi cosa accada, anche fosse il suo cagnolino caduto in acqua. Bisognerebbe vedere le regole del contratto: a mettere in pericolo la persona potrebbe essere proprio l'allontanarsi da essa di uno dei suoi bodyguard. E magari se l'agente avesse accettato di andare a prendere il cane sarebbe stato licenziato perchè si era allontanato dalla persona da proteggere, venendo meno al suo dovere. Mah...
2018-05-08 14:36:03
Ci mancava anche questa! L'agente di scorta non era tenuta ad entrare in acqua, come non erano tenuti quelli della Finocchiaro a spingere il carrello della spesa. La "primeira dama" ha voluto far il bagno nella pozza delle oche? Credo che il Brasile oggi abbia altri problemi. Noi non corriamo il rischio: abbiamo Mattarella. La Boldrini forse l'avrebbe fatto!